Donato Carrisi e il femminicidio: "Non delegate tutto agli inquirenti"

Alla presentazione del suo nuovo libro "L'ipotesi del male" al Ravello Festival, lo scrittore Donato Carrisi coglie l'occasione per parlare di femminicidio. "Diffido di chi dice di essere una brava persona perché in ogni momento si può manifestare il lato oscuro di ognuno di noi" commenta lo scrittore. Riguardo al femminicidio - termine che lui non ama utilizzare - Carrisi sottolinea come non si debba delegare tutta le responsabilità agli inquirenti, alla polizia o ai carabinieri, ma che ci dovrebbe essere "una specie di ammortizzatore sociale a cui sottoporre gli uomini che violano questo patto sacro con le donne e l'azione deve partire dalla società".

Pubblicità
{channelLogo}

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo