Cristina Comenicini: «In ogni famiglia c'è un sole. Era la mamma»

Prende a prestito le parole del figlio Carlo Calenda la regista Cristina Comencini per descrivere il rapporto con la madre e il senso di mancanza dopo la sua morte: "Era un pilastro. I rapporti madre-figlia possono talvolta essere complicati, ma di lei rimane la forza, 'tieni la schiena dritta e conserva la dignità, sempre'»

Pubblicità
{channelLogo}

L'intervista di don Marco Pozza su Tv2000, nel corso di Ave Maria. Il rapporto di Cristina Comencini con Maria e con la figura della madre: «Mi appartiene la maternità, mi appartiene anche la sua solitudine perché io ho sempre avuto la sensazione che fosse stata sola, anche con l’ andata via del figlio. Maria ha passato tutte le esperienze che sono connesse al rischio della maternità che hanno passato tutte le donne che hanno avuto un figlio: hai paura che possa succedergli qualcosa». «Con mia madre», ricorda la Comencini, «avevo un rapporto molto variato. Era il pilastro della famiglia. Quando è morta, Carlo, mio figlio, ha fatto un annuncio. Ha detto: ‘In ogni famiglia c’ è un sole’ . Mamma era sempre al centro di tutta la famiglia non solo del pensiero di papà, anche se questo suo essere sempre al centro poteva essere pesante» Ave Maria di papa Francesco ACQUISTALO SU SAN PAOLO STORE »

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo