Terremoto e neve, dramma infinito in Centro Italia. Paura a Roma

Pubblicità
{channelLogo}

Il Centro Italia è tornato a tremare con forza a cinque mesi dal sisma che ha distrutto Amatrice e Accumoli. Per tre volte in meno di un'ora. L'epicentro della prima scossa, alle 10.25,è stato registrato dall'Ingv - Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia - a Montereale, in provincia dell'Aquila, a una profondità di 9,2 km. La magnitudo, indicata in un primo tempo come di 5.3, è stata ricalcolata in 5.1. Siamo vicino ad Amatrice, distrutta dal terremoto del 24 agosto scorso. Nel sisma in Centro Italia di cinque mesi fa hanno perso la vita 299 persone. La seconda scossa alle 11.14, di magnitudo 5.4 e a una profondità di 9.1 km, ha avuto come epicentro Capitignano, sempre nell'Aquilano. Infine, alle 11.25 la terza scossa è stata registrata a Pizzoli (L'Aquila) a 8.9 km di profondità. Questa volta la magnitudo era di 5.3. Per ora il bilancio è di qualche crollo, in particolare il campanile della chiesa di Sant'Agostino ad Amatrice, già lesionata dalle precedenti scosse. Non si segnalano danni a persone. L'epicentro è stato localizzato nell'aquilano, generato dallo stesso sistema di faglie che si è attivato il 24 agosto e che ha colpito pesantemente anche il 30 ottobre. È quanto emerge dalle prime analisi degli esperti al lavoro nella sala sismica dell'Istituto Nazionale di Geofisica Vulcanologia (Ingv): «È lo stesso sistema di faglie attivato il 24 agosto, ma a generare il terremoto di oggi è un segmento diverso», ha detto all'ANSA la sismologa Paola Montone, dell'Ingv. Le scosse sono state avvertite in maniera particolarmente forte anche a Roma: anche nelle Capitale è stata decisa la chiusura precauzionale delle scuole e di alcuni uffici, compreso il Consiglio superiore della Magistratura. Sospese sempre in via precauzionale le visite al Quirinale. «È una situazione abbastanza complicata. Stiamo ricevendo i ritorni dal territorio, ovviamente il sisma è stato avvertito in maniera chiara su tutta la parte centrale fino alla Capitale. Al termine delle verifiche potremo dire se abbiamo avuto situazioni particolarmente difficili o meno», ha detto a Skytg24 il capo della Protezione civile Fabrizio Curcio. «In quella zona sta nevicando ormai da diverse ore, in maniera ininterrotta, e continuerà a nevicare ancora per le prossime ore».

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo