Messico, il Papa in Chiapas chiede perdono agli indios, «esclusi e spogliati»

Pubblicità
{channelLogo}

«Perdono, fratelli!». Papa Francesco l'ha detto con tono accorato agli indios del Chiapas. Nell’ omelia della Messa celebrata a San Cristobal de las Casas, Jorge Mario Bergoglio ha tributato un omaggio alle comunità indigene che hanno affollato il Centro sportivo municipale. «La sfida ambientale che viviamo e le sue radici umane ci toccano tutti e ci interpella», ha affermato il Pontefice. «Non possiamo più far finta di niente di fronte a una delle maggiori crisi ambientali della storia. In questo voi avete molto da insegnarci. I vostri popoli, come hanno riconosciuto i vescovi dell’ America Latina, sanno relazionarsi armonicamente con la natura, che rispettano come fonte di nutrimento, casa comune e altare del condividere umano». «Tuttavia», ha proseguito il Papa, «molte volte, in modo sistematico e strutturale, i vostri popoli sono stati incompresi ed esclusi dalla società. Alcuni hanno considerato inferiori i loro valori, la loro cultura e le loro tradizioni. Altri, ammaliati dal potere, dal denaro e dalle leggi del mercato, li hanno spogliati delle loro terre o hanno realizzato opere che le inquinavano». «Che tristezza!», ha esclamato il Papa: «Quanto farebbe bene a tutti noi fare un esame di coscienza e imparare a dire: perdono! Il mondo di oggi, spogliato dalla cultura dello scarto, ha bisogno di voi!». In queste foto dell'agenzia Ansa e dell'agenzia Reuters la fede, l'affetto nei confronti del Papa e il desiderio di difendere la propria dignità (espressa con cartelli con cui si rivendicano diritti) degli indios del Chiapas, attesa tappa del viaggio di Francesco nel cuore ferito del Messico.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo