Gmg, il Papa a Czestochowa prega la Madonna Nera e poi inciampa sull'altare

Pubblicità
{channelLogo}

«Dio ci salva facendosi piccolo, vicino e concreto. Essere attratti dalla potenza, dalla grandezza e dalla visibilità, è tragicamente umano, donarsi agli altri nella piccolezza è squisitamente divino». Così il Papa durante la Messa al Santuario mariano di Jasna Góra (“Monte Chiaro”, in italiano) a Częstochowa, cuore spirituale della Polonia e meta ogni anno di quattro milioni di pellegrini. Presenti oltre 500mila persone e migliaia di vescovi e sacerdoti. La celebrazione si è svolta in occasione del 1050.mo anniversario del Battesimo del Paese alla presenza delle massime autorità. Francesco ha sostato in preghiera davanti all’ immagine della “Madonna nera”, dipinta secondo la tradizione da San Luca,  alla quale ha affidato il popolo polacco. Prima di iniziare la Messa nel piazzale davanti al Santuario, il Pontefice è inciampato sulle scale del palco eretto sulle mura del santuario dove celebra la funzione religiosa a causa della veste. Il quel momento aveva fra le mani l'incensiere e si stava avvicinando al quadro della Madonna Nera per venerarla. Si è rialzato in un attimo e, accompagnato dal seguito, ha ripreso la funzione

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo