Don Antonio risponde
Don Antonio Rizzolo

Le risposte di don Giuseppe Zilli

Pubblicità

Gentile direttore, ho letto con interesse e anche con emozione l’ articolo sul numero 25 che ricorda la morte di don Giuseppe Zilli avvenuta il 31 marzo 1980. Ricordo esattamente quando lessi sulla rivista la notizia della sua morte. Molti, come me, capirono chi si firmava “d.z.” Come già scrissi al suo predecessore 10 anni fa in occasione del 30° anniversario, lo ricordo con riconoscenza perché, anche se non gli scrivevo, leggevo con interesse le sue risposte, che aiutavano anche me.
ENZO PORCELLI - VIETRI SUL MARE (SA)

Lo storico direttore di Famiglia Cristiana è sempre stato per me un punto di riferimento, soprattutto con le sue risposte ai lettori, che ho letto nelle diverse raccolte che ne sono state fatte, molti anni prima di immaginare di potergli succedere. Mi piacevano soprattutto le sue risposte brevi. Ne cito solo due, che rivelano anche la sua personalità. Nella prima una lettrice gli scriveva: «Grazie, padre! Tu non lo sai, ma senza di te sarei finita molto male». Ed ecco la sua risposta: «Sei molto gentile con me, ma vorrei rammentarti una cosa: la parte più importante in questa rubrica la fa chi scrive, non chi risponde». E non posso che essere d’ accordo. A un altro che gli chiedeva, poiché tutti hanno problemi da risolvere e domande da porre, se lui non aveva mai niente da domandare, così rispondeva: «Un uomo senza problemi da risolvere è un imbecille. Io vorrei augurarmi soltanto che le soluzioni o il conforto che trovo nelle lettere di coloro che mi scrivono li trovassero anche i lettori nelle mie risposte».



Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo