Votantonio
Francesco Anfossi

Cercasi Macron all'italiana

Pubblicità

Già dai primi exit poll di domenica sera in Italia si andava alla ricerca del Macron italiano. Se il copyright di Marine Le Pen all'italiana è di Matteo Salvini, che vi collabora fin da tempi non sospetti, sul fronte opposto infatti gli aspiranti sono più numerosi. Il primo a mettere il cappello su Macron è Matteo Renzi, in vista delle primarie del Pd e in cerca di "remontada". Il ragionamento è semplice: se il giovane e dinamico ex ministro dell'Economia francese è stato in grado di porre un argine al fronte populista antieuropeo, allora il modello torna utile anche in Italia, eterna amica-nemica d'Oltralpe.

"La vittoria di Macron al ballottaggio francese potrebbe dare molta forza a chi vuole cambiare l'Europa" scrive su Facebook l'ex premier. "Chi ama l'ideale europeista sa che gli avversari sono i populismi. Ma sa anche che l'Europa è un bene troppo grande per essere lasciato ai soli tecnocrati. Bravo Macron: la sfida inizia adesso. Una sfida che riguarda anche l'Italia. Avanti, insieme", Renzi però potrebbe essere sopravanzato da un altro simil-Macron: l'ex ministro della Giustizia Orlando. Ma in che cosa coincidono i programmi politici dei due italiani con il loro modello francese? A ben guardare - a parte l'europeismo -  nei contenuti ben poco: anche perché i due fanno parte di quella sinistra che in Francia è stata letteralmente annientata. E a nulla vale ricordare che in fondo Renzi la sinistra l'ha allontanata perché Macron ha annientato anche i gollisti. Dunque non resta che lavorare sulle somiglianze fisiche. E constatare come ci siamo ridotti. A proposito alle primarie ci sarà anche Michele Emiliano ma Emiliano dentro il modello Macron, con tutte le buone intenzioni, proprio non lo si riesce a immaginare.

 



Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo