Immagine pezzo principale

Vinicio Capossela: "Così Enrique Irazoqui è diventato di nuovo Gesù"

Pubblichiamo uno stralcio dell'intervista dell'anno scorso al cantautore che racconta come ha convinto l'attore protagonista del film "Il Vangelo secondo Matteo" di Pier Paolo Pasolini a interpretare di nuovo il Messia nel video della sua canzone "Il povero Cristo"


Pubblicità

L'ultimo album di Vinicio Capossela, "Ballate per uomini e bestie", è stato lanciato dal video di una canzone meravigliosa: "Il povero Cristo". Il video è stato girato a Riace e mostra un Gesù anziano, avvolto in una tunica bianca, che osserva passare persone sofferenti, i migranti. Quel Gesù era di nuovo Enrique Irazoqui, l'attore spagnolo scomparso oggi.

Ecco cosa ci raccontò un anno fa Capossela: «Ho trovato Enrique attraverso il Centro studi pasoliniani. Ha 74 anni e ha vissuto una vita molto ricca, facendo lo scacchista. Gli ho raccontato il senso della canzone e lui ha accettato di partecipare. Il Cristo del Vangelo è morto giovane e bello, come i grandi eroi, come ce lo mostra Pasolini in quel magnifico film.

Quindi, pur facendosi uomo, non ha vissuto la condizione più umana di tutte che è quella dell’ invecchiare. Mi è venuta così la suggestione di far rivedere il volto di Enrique, che ricordavo quando nel film con un vigore incredibile pronuncia il Discorso della montagna, adesso, scavato dalle rughe. Un povero Cristo che ora tace osservando tanti poveri Cristi come lui, i migranti».

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo