Immagine pezzo principale

Una santa nel cuore di Parigi

Margherita Maria Alacoque, monaca e mistica francese, in realtà nacque e visse in Borgogna. La sua fama e la sua memoria sono legate alla diffusione della devozione del Sacro Cuore. Che nel 1875 portò a iniziare la costruzione dell'omonima basilica (uno dei monumenti più bianchi d'Europa) che domina Montmartre, il quartiere maledetto.


Pubblicità

Ad alimentarne continuamente fama e ricordo ci pensano una devozione e un santuario. La devozione  è quella del Sacro Cuore di Gesù, vissuta da molti attraverso la pratica dei primi nove venerdì di ogni mese. Il santuario, invece,  è quello imponente (uno tra i monumenti più bianchi d'Europa, insieme al Vittoriano, a Roma)   costruito a Parigi tra il 1875 e il 1914, ma consacrato nel 1919. Un santuario, quello del Sacre Coeur de Paris,  che domina Montmartre, la zona degli artisti e del Moulin Rouge, il quartiere maledetto, del genio e della sgregolatezza.

In realtà Margherita Maria Alacoque, francese doc,  più che della capitale, Parigi, è frutto della Borgogna, legata com'è a Paray-le-Monial.  Proprio in Borgogna, infatti, nacque nel 1647: ebbe una giovinezza difficile, soprattutto perché dovette vincere la resistenza dei genitori per entrare, a ventiquattro anni, nell'Ordine della Visitazione, fondato da san Francesco di Sales. Margherita, diventata suor Maria, restò vent'anni tra le Visitandine, e fin dall'inizio si offrì «vittima al Cuore di Gesù». Fu incompresa dalle consorelle, malgiudicata dai superiori.

Anche i direttori spirituali dapprima diffidarono di lei, giudicandola una fanatica visionaria. Il beato Claudio La Colombière divenne preziosa guida della mistica suora della Visitazione, ordinandole di narrare, nell'autobiografia, le sue esperienze ascetiche. Per ispirazione della santa, nacque la festa del Sacro Cuore, ed ebbe origine la pratica dei primi nove venerdì di ogni mese. Morì il 17 ottobre 1690.

Il 18 settembre 1864 Margherita Maria Alacoque fu beatificata da papa Pio IX, e poi canonizzata nel 1920, durante il pontificato di papa Benedetto XV. La sua memoria liturgica ricorre il 16 ottobre. Nel 1928 Papa Pio XI riconobbe - nell'enciclica Miserentissimus Redemptor - la credibilità da parte della Chiesa cattolica delle visioni a Margherita Maria Alacoque, affermando che Gesù le "si manifestò".

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo