Immagine pezzo principale

Un weekend da gourmet

In Lombardia due manifestazioni per gli appassionati dell'enogastronomia: Taste of Milano, con il teatro dei più noti chef, e Franciacorta in cantina.


Pubblicità

Dopo l’ enorme successo della prima edizione, ritorna questo weekend all'Ippodromo del Galoppo di San Siro Taste of Milano, uno degli eventi gastronomici più attesi dell’ anno per i milanesi amanti della buona cucina.

Grande festival aperto al pubblico, questa manifestazione celebra il top della ristorazione e propone un viaggio alla scoperta dell’ enogastronomia di eccellenza: 20 fra i migliori chef della città lavoreranno gomito a gomito per quattro giorni divertendosi a cucinare all’ aperto, in un contesto unico, per deliziare i palati dei loro estimatori e mettendo a disposizione di tutti la loro maestria in show-cooking e corsi di cucina.

Animati dal desiderio di avvicinare il grande pubblico all'alta gastronomia, specie i più giovani, i grandi cuochi, insomma, escono per una volta dalle cucine, dai loro ristoranti, stellati e non, per incontrare i fans, svelare segreti e ricette.

Al Taste of Milano 2011 partecipano chef pluridecorati, ma anche giovani emergenti ed interpreti di piatti etnici e internazionali. «Siamo orgogliosi di proporre una nuova edizione di Taste of Milano», afferma Silvia Dorigo, direttore artistico, «che quest’ anno si preannuncia ancor più interessante. Non solo perché abbiamo una squadra affiatata, composta da venti professionisti a disposizione del pubblico, ma anche perché abbiamo individuato una cornice che ci consente di allestire in un contesto affascinante tante strutture per accogliere al meglio i visitatori».

La grande razionalità dello spazio verde dell’ Ippodromo permette infatti la presenza di aree attrezzate con comode sedute e tavoli. Esperti architetti del verde hanno progettato zone relax tematiche (Water garden room, Fuoco, Orto, Relax e Pic nic), vere e proprie isole verdi dove rilassarsi e ritemprarsi con le golose degustazioni.

«L’ essere all’ aperto e nel verde» continua Silvia Dorigo, «è lo spirito che caratterizza la formula dei festival Taste of, ma che li rende al tempo stesso responsabili verso l’ ambiente. Ecco perché anche quest’ anno Taste of Milano ha scelto di rispettare la natura: per tutte le degustazioni vengono utilizzate stoviglie interamente biodegradabili e compostabili con un impatto ambientale praticamente nullo. Tutti gli accessori sono prodotti in Italia con materie prime di origine vegetale interamente derivate da risorse rinnovabili. L’ anno scorso ben 100.000 piatti, 250.000 posate e 100.000 tovaglioli dopo aver ospitato golose portate si sono trasformate in innocuo fertilizzante».


Già lo scorso anno Taste of Milano aveva scelto di supportare il Banco Alimentare della Lombardia Onlus per sostenere Siticibo, con l’ obiettivo di provvedere al recupero alimentare ed essere di aiuto a chi è meno fortunato. Attraverso la donazione di parte dell’ incasso derivato dalla biglietteria della prima edizione Taste of Milano è già sostenitore della Onlus. Come per il 2010, anche quest’ anno tutte le materie prime non utilizzate durante i quattro giorni di Taste of Milano non verranno sprecate, bensì donate alle mense servite dal Banco Alimentare, che attraverso il programma SITICIBO ogni giorno raccoglie e recupera ingenti quantità di prodotti alimentari freschi e cucinati.


Per gli appassionati lombardi del vino il rendez-vous è invece, sempre questo weekend, in Franciacorta. Il consorzio di questo territorio, rinomato in tutto il mondo per le sue "bollicine" organizza infatti una serie di eventi e di attività all'insegna del buon bere.

L’ appuntamento è per sabato 17 e domenica 18 settembre: destinazione il cuore della Lombardia, tra Brescia e il lago d’ Iseo, territorio vocato alla viticoltura per eccellenza, ma anche ricco di natura, storia e tradizioni. Un’ imperdibile occasione per vivere un’ esperienza a 360 gradi.

Chi vorrà esplorare i sapori, potrà farlo durante i percorsi di visita nei caveau delle cantine, con degustazioni e abbinamenti a cura di esperti enologi, passeggiando tra i vigneti per scoprire come e dove nascono i vini o approfittando degli spazi accanto ai filari per un pic-nic.

Una selezione di ristoranti e agriturismi della zona propongono inoltre menù a base di piatti tipici della tradizione bresciana, accostandoli ai migliori Brut, Extra Brut, Satèn o Rosé .

Gli appassionati di musica potranno inoltre lasciarsi trasportare dalle sinfonie dei musicisti del Teatro alla Scala di Milano o vivere le raffinate emozioni suscitate da eclettici artisti contemporanei.

In programma anche attrazioni e intrattenimento per famiglie con bambini, come i laboratori di educazione ai cinque sensi e percorsi didattici.

Sul sito web www.festivalfranciacorta.it è possibile consultare il programma completo del festival e le molteplici alternative per raggiungere questi luoghi. Dai tour in bus agli itinerari di trekking e in bicicletta che prevedono soste in cantine per la degustazione e visite ad abbazie, borghi, palazzi, ville, giardini e riserve naturali.

Immagine articolo
Una delle degustazioni preparate dagli chef.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo