Immagine pezzo principale

Tra Sanremo e Ballarò

Fabio Fazio aveva promesso un'edizione all'insegna della leggerezza, un'isola felice in cui dimenticare per un po' i problemi che ci affliggono. Ma la protesta dei due disoccupati ha riportato prepotentemente la realtà all'Ariston, mentre il resto dello spettacolo ha deluso rispetto all'anno scorso.


Pubblicità

«Ora fatemi fare il Festival, altrimenti faccio Ballarò», ha implorato Fabio Fazio a Beppe Grillo durante la prima pausa pubblicitaria di Sanremo 2014. Povero conduttore. Aveva promesso un'edizione all'insegna della leggerezza, che desse ai telespettatori un po' di respiro dai problemi quotidiani. E invece si è trovato prima con Grillo che, fuori dall'Ariston, ha arringato la folla sparando a zero come al solito su tutti, da Renzi, a Berlusconi, Napolitano, alla Rai e a lui stesso.  Poi, mentre il fastoso sipario che riproduce un palazzo italiano del Settecento, si inceppava a metà e Fazio leggeva una lettera sulla bellezza colpevolmente trascurata, ecco che la realtà è tornata a fare irruzione all'Ariston sotto forma di due voci che urlavano la loro disperazione: quelle di Antonio Sollazzo e Marino Marsicano, due lavoratori del Consorzio di Bacino di Napoli e Caserta senza stipendio da 16 mesi che, chissà come, sono riusciti ad eludere le severissime misure di sicurezza raddoppiate per la presenza di Grillo e a salire sulle impalcature del teatro, minacciando di buttarsi giù. Il conduttore all'inizio è apparso quasi infastidito dall'imprevisto: «State impedendo anche il nostro lavoro!», ha detto ai due. Ma ha subito ritrovato il sangue freddo, riuscendo a farli tornare sui loro passi con la promessa di leggere la lettera che avevano scritto. Cosa che poi ha fatto, dopo l'omaggio di Ligabue e di Mauro Pagani a Fabrizio De André con Crêuza de mä, di gran lunga il momento più emozionante della serata. 

Solo a questo punto è arrivata la leggerezza, cioè le canzoni dei Campioni e i numeri di varietà con le ospiti Laetitia Casta e Raffaella Carrà. Ma le canzoni non sono apparse memorabili (l'unica, Invisibili di Cristiano De André, è stata eliminata) e le gag con le due ospiti oscillanti tra il trash e il già visto. Del resto, gli stessi Fabio Fazio e Luciana Littizzetto hanno sottolineato più volte che il regolamento del Festival è identico a quello dell'anno scorso, cosa che si può estendere a tutto il resto dello spettacolo. Quindi, i due momenti più vivaci della serata sono stati il fuori programma con i due disoccupati e la divertente anteprima affidata a Pif che con la sua telecamerina ci ha fatto scoprire un po' di retroscena su Sanremo, dal parroco che ha detto che la cittadina si chiama così perché è una contrazione del santo patrono San Romolo e che quindi non va scritta San Remo, come si vede su alcuni cartelli stradali, ai severissimi addetti alla sicurezza (dov'erano però quando i due disoccupati sono saliti sulle impalcature?). Tutto il resto è stato noia, nonostante i buoni risultati di ascolto (quasi 12 milioni e mezzo di ascoltatori, in calo comunque rispetto all'anno scorso). Ma siamo solo alla prima serata e stasera tocca ai giovani, le cui canzoni sono di gran lunga molto più interessanti di quelle dei Campioni. Però stasera c'è anche il Milan in Champions League su Canale 5...

Immagine articolo
Uno dei due disoccupati salito ieri sera sulle impalcature dell'Ariston a Sanremo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo