Immagine pezzo principale

Sea Watch: migranti sbarcati a Lampedusa, arrestata la capitana

Scortata da una motovedetta della Guardia di Finanza, che ha tentato di impedirne l'attracco, la nave della ong, ferma da tre giorni al largo dell'isola, è entrata in porto all'1.50 di stanotte. Dopo 17 giorni in mare, stamattina all'alba i 40 migranti a bordo sono stati sbarcati. La capitana tedesca Carola Rackete, è ora in stato di arresto per violazione dell'Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, un reato che prevede una pena dai tre ai 10 anni di reclusione. I migranti sono sbarcati tra gli applausi dei presenti accorsi ad accoglierli sulla banchina.


Pubblicità

Sono sbarcati a Lampedusa i 40 migrati a bordo della Sea Watch, in mare da 17 giorni.. La comandante è entrata in porto senza autorizzazione preventiva, invocando lo stato di necessità. Prima di sbarcare dalla nave i migranti hanno salutato e abbracciato i volontari della ong che in queste due settimane li hanno assistiti. Gli uomini della Guardia di Finanza e della Polizia che stanno ponendo sotto sequestro l'imbarcazione.

La capitana della nave Sea Watch, Carola Rackete, è ora in stato di arresto per violazione dell'Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, reato che prevede una pena dai tre ai 10 anni di reclusione.

«Comportamento criminale della comandante della Sea Watch, che ha messo a rischio la vita degli agenti della Guardia di Finanza. Ha fatto tutto questo con dei parlamentari a bordo tra cui l'ex ministro dei trasporti: incredibile», ha commentato il ministro dell'Interno Matteo Salvini.

Carola Rackete, potrebbe essere trasferita in carcere e processata per direttissima. La comandante è stata infatti arrestata in flagranza di reato per violazione dell'Articolo 1100 del codice della navigazione: resistenza o violenza contro nave da guerra, che prevede una pena dai tre a 10 anni di reclusione. A Carola Rackete potrebbe essere contestato anche il tentato naufragio della motovedetta della Guardia di Finanza, speronata dalla nave durante la manovra di attracco.

Il comandante della tenenza di Lampedusa delle Fiamme Gialle, luogotenente Antonino Gianno, ha prelevato personalmente la comandante a bordo della Sea Watch con l'ausilio di altri 4 finanzieri, notificandole in caserma il verbale di arresto. La comandante della Sea Watch potrebbe adesso essere trasferita nel carcere di Agrigento in attesa delle decisioni della Procura di Agrigento che coordina l'inchiesta.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo