Immagine pezzo principale

Riforma Difesa: il no dei militari

«Il Parlamento fermi l’ approvazione di quel disegno di legge», si legge in una nota congiunta firmata dagli organi di rappresentanza (i Cocer) di Esercito, Marina e Aeronautica.


Pubblicità

«Chiediamo all'unisono e a gran voce che il Parlamento fermi l'approvazione del disegno di legge relativo alla riforma dello strumento militare». Questo appello non arriva da associazioni pacifiste ma dal cuore delle Forze armate. I  Cocer (Consigli centrali di rappresentanza) dell'Esercito italiano, della Marina militare e dell'Aeronautica militare fanno sapere di essere contrari al provvedimento. La prima perplessità riguarda la sostanziosa riduzione di personale che il Ddl del ministro Di Paola presuppone: «L'atto – si legge in un comunicato diffuso dal Co.ce.r dell'Aeronautica – determinerebbe uno spostamento di ingenti risorse (a regime 3 miliardi di euro) dalle spese per il personale all'investimento, causerebbe esodi forzosi per il personale in servizio, penalizzerebbe le carriere dei vari ruoli e amplificherebbe il precariato tra i volontari alle armi, nonostante il loro lodevole impegno nei vari teatri operativi».

Ma c'è un altro aspetto che preoccupa i rappresentanti delle Forze armate al punto da definirlo «incredibile anomalia»: è la fretta. Su questo punto militari e pacifisti sembrano essere d'accordo. L'attuale Governo è dimissionario, la situazione politica instabile, i parlamentari stanno per impegnarsi in un'intensa (e a quanto pare piuttosto tumultuosa) campagna elettorale. Secondo i Cocer non ci sono le condizioni per una riflessione serena e approfondita su una «materia di rilevante importanza e delicatezza». Piuttosto che chiudere in quattro e quattr'otto una partita dalle conseguenze pesanti, auspicano «un rinvio del processo alla nuova legislatura, ove attraverso un esame plurale, articolato e soprattutto rispettoso del parere delle donne e degli uomini alle armi, si giungerà sicuramente a determinare un nuovo modello di difesa nazionale, equilibrato, sostenibile, integrato».

Dunque, dalle stesse Forze armate emerge la richiesta  di un rinnovamento radicale e non di una riedizione (con correzioni più o meno vistose) del modello attuale. Ma i tempi sono necessariamente lunghi, come dimostrano le esperienze di altri Paesi, europei e non. Un'approvazione a tappe forzate del Ddl Di Paola – concludono i Cocer – vorrebbe dire «considerare tale materia di importanza marginale, mentre crediamo che a essa debba essere riservata una particolarissima attenzione, proprio in virtù dei compiti assegnati alle Forze armate».

Immagine articolo
Paracadudisti sfilano durante una parata militare ai Fori imperiali. Foto Eidon. In copertina: foto Ansa.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo