Immagine pezzo principale

Quattro libri per un'estate perfetta

Le imprese di James Bond, le impertinenze filosofiche di una bambina, un papà in fuga e un giallo etologico. Ecco la storia giusta per ogni tipologia di lettore.


Pubblicità

Che estate è, senza un libro? Certo, l'essenziale è che sia quello giusto, il più adatto ai nostri gusti personali e capace di portarci lontano con l'immaginazione. Intanto ricordiamo ai nostri lettori che ogni settimana Famiglia Cristiana esce in edicola con un grande romanzo della storia della letteratura. In questi giorni viene proposto l'intenso e straziante Ali spezzate di Kahlil Gibran, la settimana prossima sarà la volta dei Tre racconti di Gustave Flaubert (tutte le informazioni su www.famigliacristiana.it/iniziative/buc/). In aggiunta, proponiamo qui altri quattro libri "garantiti", pensati per diverse tipologie di lettori.

PER GLI AVVENTUROSI. James Bond è tornato, e si farà vivo ancora a lungo. A inviarlo in missione, questa volta, è l'Adelphi, che ha deciso di pubblicare integralmente la saga della spia più famosa del mondo. Il primo atto si intitola Casino Royale, il libro con cui, nel 1952, Ian Fleming diede vita al primo James Bond di sempre. Non manca ovviamente la Bond Girl, la sublime Vesper Lynd. E nemmeno l'abominevole Le Chiffre. Suggerimento: leggersi la nascita del personaggio accompagnando la lettura con la visione dei film della serie.

PER I RIFLESSIVI. Ricordate Mafalda? Vi piaceva? Allora verrete irrimediabilmente conquistati dalla Bambino filosofica, creatura impertinente, curiosa e scomoda (per gli altri) di Vanna Vinci (Rizzoli Lazard). Qualche battuta tratta dalle strisce per rendersi conto del caretterino: «Lo ammetto... Ho un vizio... Sono dedita alle cause perse...»; «Certe avanguardie... fanno la muffa subito!»; «Sono una fanatica del dubbio... Mi esercito tutti i giorni... Appena alzata dubito sempre almeno una buona mezz'ora...»; «Nessuno mi invita più alle feste... Devono aver scoperto che sono intelligente...»; «I tempi bui del Medioevo... ora come ora... abbagliano». Capito? Leggetela pure, a vostro rischio e pericolo.

PER I ROMANTICI. Un ragazzo sta lasciando il suo Paese, l'Islanda, per prendersi cura di un leggendario giardino in un monastero del Nord Europa ora in abbandono. Tutto bello, salvo che è padre di una bimba, nata in seguito all'avventura di una notte, che ha perso la madre - a cui deve il pollice verde - da poco e che lascia anche un padre e un fratello gemello autistico. Nel monastero incontrerà un padre cinefilo, che cura i problemi della vita con il film giusto... Tanti ingredienti per una favola dolce e leggera: si tratta di Rosa candida di Audur Ava Ólafsdóttir, pubblicato da Einaudi.

PER GLI ANIMALISTI. Torna la coppia investigativa più stramba del giallo italiano: lei, Agnese, sa tutto di bufali; lui, Marzio, studia i pipistrelli vampiri. Insieme indagano sulla morte di un uomo trovato in laguna con il torace sfondato. Unico indiziato: Cesare. Danilo Mainardi, fra i maggiori etologi italiani, con il suo La corsa di Cesare (Cairo) diverte, riuscendo anche a fare un po' di divulgazione scientifica, perché infila abilmente nella trama informazioni sugli animali e la natura.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo