Immagine pezzo principale

Quando l'Enel accende i cuori

Fino al 15 luglio, l'Onlus del colosso dell'energia elettrica promuove un referendum per stabilire come dividere fra tre progetti di solidarietà un contributo di 200 mila euro.


Pubblicità

Impegnarsi per risolvere gravi problemi di cibo, in quest’ Italia segnata dagli eccessi, stretta tra il troppo e il troppo poco, oppureaiutare le persone affette da disturbi mentali, assicurando loro la massima autonomiae la più gratificante realizzazione possibile,o, ancora, assistere gli anziani non autosufficientia casa loro, senza recidere storie, affetti, legami? Detta altrimenti: Save the children oppure Progetto Itaca o, infine, la Comunità di Sant’ Egidio?

La parola passa agli italiani. Dal 30 maggio al 15 luglio Enel Cuore chiede a tutti noi, gente comune, di esprimerci su alcune emergenze sociali: povertà alimentare, disagio psichicoe solitudine di chi è avanti con gli anni. Si tratta di un referendum, per quanto sia un referendum originale, visto che non si presenta come uno dei modi per esercitare la sovranità popolare, che non ha bisogno del via libera preventivo dei supremi organi della Repubblica e che, cosa non di poco conto, sarà valido comunque, perché qui non si deve raggiungere nessun quorum.

Nata nel 2004 per volere del colosso italianod ell’ energia elettrica, Enel Cuore è un’ organizzazione senza scopo di lucro attiva nel campo della solidarietà, dove opera in collaborazione con altri soggetti, pubblici e privati. Fino a oggi, ha devoluto circa 40 milionidi euro, sostenendo 431 iniziative, in Italia e all’ estero. “Scegli con il cuore” è una campagna che promuove tre progetti nazionali, ai quali Enel Cuore assicura un contributodi 200 mila euro ciascuno. Lo stanziamento complessivo di 600 mila euro, in ogni caso,non esaurisce l’ impegno economico. C’ è un’ appendice. Che diventa una notizia. La Onlus di Enel, infatti, ha deciso di mettere adisposizione un’ ulteriore somma pari a 200 mila euro, impegnandosi, però, a dividerla tra i progetti sulla base delle scelte espresse dagli italiani nel prossimo mese e mezzo.

Il consenso viene manifestato navigando inInternet o digitando veloci sulle tastiere deitelefonini. Per votare è sufficiente cliccare su www.enelcuore.org/scegliconilcuore. Chi vuole, può inviare un Sms al numero telefonico 366/44.00.182 indicando il codice ell’ iniziativa. I risultati saranno resi noti a metà settembre. Il contribuito di 200 mila euro verrà diviso tra le organizzazioni in roporzione alle preferenze ricevute.

Il progetto che Enel Cuore sostiene con Save the children riguarda alcune zone di Torino, Roma e Napoli, segnate da marginalità socio-economica. È finalizzato a combattere, riducendo o – meglio – prevenendo il cattivo rapporto con il cibo di tanti, troppi bambini che diventa, a seconda dei casi, malnutrizione o sovralimentazione. L’ idea è quella di educare le nuove generazioni migliorando conoscenze, fiducia e possibilità dei genitori, specialmente quelle delle mamme. Attraverso un pulmino attrezzato che sosterà presso scuole, campi sportivi e centri aggregativi dei quartieri più travagliati, sarà possibile – nel agionevole arco di 24 mesi – migliorare le condizioni di 80 mila minori, da quando sonoin fasce a quando hanno 13 anni.

C’ è poi il calvario di quanti soffrono a causa delle malattie mentali. Progetto Itaca Onlus per la fragilità della famiglia nasce dall’ esigenza di sostenerli. Attraverso Club Itaca ha realizzato per la prima volta in Italia – a Milano e a Roma; tra breve pure in Toscana e in Sicilia – un modello di integrazione  sociale e lavorativa americano (chiamato Club house), finalizzato allo sviluppo dell’ autonomia di persone con disagio psichico. Chi aderisce diventa, gratis, socio a vita diun circolo e lavora nella gestione diretta dellastruttura. L’ obiettivo consiste nel migliorare l’ autostima e raggiungere il massimo d’ autonomiapossibile. Enel Cuore vuole aiutaread aprire le sedi di Firenze e Palermo, che saranno in grado di accogliere fino a 70-80 persone tra i 18 e i 45 anni, ma intende anche sostenere un intervento a Milano, per 20 soci, che punta alla riabilitazione attraverso l’ orto-florovivaismo.

Rimanere nel proprio ambiente familiare, evitando l’ isolamento e rallentando la perdita dell’ autosufficienza, è infine l’ obiettivo di “A casa è meglio!”, un innovativo progetto di assistenza domiciliare della Comunità di Sant’ Egidio avviato dal 2004 in 7 città italiane grazie al sostegno di Enel Cuore. Il programma utilizza strategie di monitoraggio attivo, con la promozione delle cosiddette reti informali di supporto (vicini, negozianti, portieri), e soprattutto con l’ intervento di operatori sociali che seguono la persona anziana sola tramite costanti visite a domicilio, per aiutarla nei problemi di vita quotidiana, nella cura della persona e nel mantenimento disignificative relazioni sociali e affettive. Il nuovo progetto realizzato grazie a Enel Cuore intende estendere il programma in tre centri: L’ Aquila, Ferentino, in provincia di Frosinone,e nel rione Sanità di Napoli. Gli utenti beneficiari del progetto saranno mille anziani di cui 300 ultrasettantacinquenni.

Immagine articolo
Foto di Paolo Siccardi/Sync.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo