Immagine pezzo principale

Pregare insieme per un mondo unito

Comincia domani a Monaco di Baviera l'incontro mondiale di preghiera organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio. Centinaia gli ospiti, migliaia i partecipanti da tutto il mondo.


Pubblicità

"Bound to live toghether", "Determinati a vivere insieme". Il titolo del 26.mo incontro internazionale di preghiera organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio a Monaco di Baviera esprime il colore che assume simbolicamente quest'anno, in occasione del decimo anniversario dell'attentato alle Torri Gemelle di New York, il tradizionale appuntamento annuale organizzato dal movimento fondato da Andrea Riccardi. Tre giorni pieni di appuntamenti, da domani a martedì 13, e tantissimi gli ospiti illustri attesi: dal cardinale arcivescovo di Monaco mons. Reinhard Marx, alla cancelliera Angela Merkel, dal Presidente della Germania Christian Wulff ai cardinali Glemp, Etchegaray, Koch e Sepe; da Paul Bhatti, consigliere del governo pakistano per le minoranze etnico-religiose e fratello di Shahbaz trucidato il 2 marzo scorso, a Giuseppe Laras, presidente dell'Assemblea Rabbinica Italiana fino ai ministri Tremonti e Frattini. Oltre, naturalmente, ad Andrea Riccardi. Impossibile nominarli tutti: esponenti di tutte le religioni, vescovi e teologi cristiani - cattolici, ortodossi e protestanti - , imam, rabbini, attivisti per i diritti umani, politici, economisti, monaci buddisti, tutti riuniti a discutere in oltre 35 forum e riunioni plenarie e, anzitutto, a pregare.

Lo scopo degli incontri è quello di "promuovere la conoscenza reciproca e il dialogo tra le religioni, nell'orizzonte della pace". Vivere e perseverare in "uno" spirito, quello di Assisi, quello che la Comunità di Sant'Egidio ha raccolto in eredità da Giovanni Paolo II nel 1986 e portato avanti anno dopo anno: "Continuiamo a diffondere il messaggio della Pace e a vivere lo spirito di Assisi". Le tappe hanno toccato in questi anni Roma (1987 e 1988) Varsavia (1989), Bari, Malta Bruxelles, Milano, ancora Assisi, Firenze, Gerusalemme fino a Bucarest e poi a Lisbona, infine Napoli, Cipro, Cracovia e Barcellona (2010).

Il calendario degli eventi è fittissimo.
Domenica 11: dopo l'Eucarestia delle 10 nel duomo di Monaco, presieduta dal card. Marx, nel primo pomeriggio ci sarà a Marstallplatz la commemorazione dell'attacco alle Torri Gemelle con il Presidente della Repubblica Federale tedesca, Christian Wulff. L'inizio ufficiale dei lavori è programmato per le 16,30 alla Residenz con, tra gli altri, Andrea Riccardi, lo stesso Presidente Wulff, il card. Marx e Horst Seehofer, presidente del Land Baviera.
Lunedì 12: alle 9-11,30 e alle 16-18,30 sono previsti i numerosi forum, con temi molto vari ad oggetto. La plenaria è prevista per le 14 alla Residenz, con Angela Merkel, Andrea Riccardi e il card. Marx. In serata altri forum.
Martedì 13: in mattinata (9-11,30) proseguono i forum, con appendice di commemorazione, per chi lo desidera, al campo di concentramento di Dachau (10-12,15).
Nel pomeriggio preghiera per la pace in vari luoghi della città e secondo le varie tradizioni religiose, con processione finale a concludere la kermesse a partire dai rispettivi luoghi per convenire tutti alla centralissima Marienplatz.

Per il programma completo cliccare qui.

Immagine articolo
Il banchetto promozionale della manifestazione davanti alla Michaelskirche, nel centro città.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo