Immagine pezzo principale

Pippo Baudo: «Alberto Sordi mi rivelò il suo rimpianto per non essersi sposato »

La testimonianza è contenuta nel libro "Alberto Sordi segreto" di prossima pubblicazione. Su "Famiglia Cristiana" in edicola, invece, Carlo Verdone ricorda la sua amicizia con l'attore e regista romano di cui si festeggia il centenario dalla nascita.


Pubblicità

Nell'intervista a Carlo Verdone a cui Famiglia Cristiana ha dedicato la copertina dell'ultimo numero in edicola, l'attore e regista parla anche del suo legame con Alberto Sordi, di cui ricorre il centenario dalla nascita. Verdone in particolare ricorda con affetto quando Sordi esaudì il desiderio di sua madre che, gravemente malata, gli chiese di vederlo un'ultima volta.

Il 9 aprile, invece, esce un libro tutto dedicato alla vita privata dell'artista romano che era noto per la sua estrema riservatezza: si intitola "Alberto Sordi segreto" (Rubbettino Editore). Lo ha scritto il cugino Igor Righetti, giornalista e docente universitario, il quale riporta tra l'altro la testimonianza di Pippo Baudo, che fu legato a Sordi da una lunga amicizia: “Negli ultimi anni, Alberto era profondamente rammaricato di non essersi sposato e mi confessò che era stato il più grande errore della sua vita”. “Questo rimpianto per non essersi sposato – aggiunge Igor Righetti – lo confidò anche a mio padre Alessandro, suo cugino. Nel periodo della malattia si sentiva irrealizzato nella sua vita più intima. Impossibilitato a continuare a lavorare aveva preso consapevolezza di aver vissuto per inseguire la sua grande passione professionale ma che, terminata la vita artistica, non aveva costruito affetti veri”. 


Ai parenti che ha frequentato di più ha sempre fatto una raccomandazione, ricorda Righetti: “I vostri ricordi con me e con i nostri cari raccontateli soltanto quando sarò in ‘orizzontale’ . Allora mi farete felice perché sarà anche un modo per non farmi dimenticare dal mio pubblico che ho amato come fosse la mia famiglia e per farmi conoscere alle nuove generazioni”.


Spiega l’ autore: “Così abbiamo fatto. Io l’ ho ricordato spesso nei miei articoli sui vari giornali con cui collaboro e su quelli che dirigo come ‘Mese per Mese’ e il quotidiano ‘Mesepermese.it’ nonché nei miei programmi radiotelevisivi sulle reti Rai. Ho aspettato, però, il centenario della sua nascita per celebrarlo con questo libro lontano dai luoghi comuni, dalle tante inesattezze e invenzioni dette finora da chi afferma di essere stato grande amico e confidente di Alberto, dal pressappochismo e dalle numerose falsità raccontate da chi ha bisogno di trarne vantaggi esclusivi. Un volume che farà scoprire a tutti coloro che hanno amato e che amano tuttora Alberto, le sue abitudini, la sua umanità verso i più bisognosi, il suo modo di affrontare la vita, il suo rapporto con la famiglia, la spiritualità, i giovani, l’ amore per Roma e per l’ Italia, il suo rapporto con le donne, il suo pensiero sulla politica e sui politici. Perché Alberto è entrato nel cuore di tutti e, probabilmente, è stato ed è tuttora l’ attore italiano più amato”.


Il libro viene arricchito con il cd della prima canzone dedicata a Sordi “Alberto nostro”, della quale Igor Righetti è autore e compositore assieme al cantautore Samuele Socci. Il videoclip del brano, girato a Trastevere e nelle vie del centro storico di Roma care ad Alberto, sarà pubblicato sul canale YouTube Alberto Sordi Forever.

 

Alberto Sordi segreto. Amori nascosti, manie, rimpianti, maldicenze. Con CD-Audio

Il giornalista Igor Righetti, cugino di Alberto Sordi, ha scritto questo libro inedito sulla vita privata del suo illustre parente in occasione del centenario della sua nascita che farà scoprire, per la prima volta, chi fosse Sordi fuori dal set e dalle apparizioni televisive ufficiali.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo