Immagine pezzo principale

Per la Bibbia Gesù era inferiore agli angeli?


Pubblicità

RITA S. - Leggo nella Bibbia che Gesù «fu fatto di poco inferiore agli angeli». Non ne contraddice la natura divina?

L’ autore della lettera agli Ebrei si riferisce al Gesù storico, cioè alla sua umanità. La comprensione della duplice natura nell’ unica persona di Cristo si è andata pian piano elaborando nella mente e nel cuore dei cristiani, fino a esprimersi nel concilio di Calcedonia (451 d.C.): «Noi insegniamo a confessare un solo e medesimo Figlio: il Signore nostro Gesù Cristo, perfetto nella sua divinità e perfetto nella sua umanità, vero Dio e vero uomo, [composto] di anima razionale e del corpo, consostanziale al Padre per la divinità, e consostanziale a noi per l’ umanità, simile in tutto a noi, fuorché nel peccato, generato dal Padre prima dei secoli secondo la divinità, e in questi ultimi tempi per noi e per la nostra salvezza da Maria vergine e madre di Dio, secondo l’ umanità, uno e medesimo Cristo signore unigenito; da riconoscersi in due nature, senza confusione, immutabili, indivise, inseparabili, non essendo venuta meno la differenza delle nature a causa della loro unione, ma essendo stata, anzi, salvaguardata la proprietà di ciascuna natura, e concorrendo a formare una sola persona e ipostasi». È il punto di arrivo di un lungo cammino, segnato da contrapposizioni ed eresie. Per noi questa formula dogmatica diviene criterio per l’ interpretazione delle Scritture e alla luce di essa dobbiamo leggere brani come quello sopra riportato.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo