Immagine pezzo principale

Pensioni d'invalidità, la protesta

Oltre a Roma, anche Milano e Torino saranno teatro della manifestazione promossa da Fish e Fand mercoledì 7 luglio.


Pubblicità

Anche Milano e Torino saranno teatro della manifestazione nazionale delle persone disabili promossa da Fish e Fand per mercoledì 7 luglio. Obiettivo comune: dire no ai tagli all’ invalidità civile contenuti nella manovra economica voluta dal governo. Oltre piazza Montecitorio a Roma, infatti, l’ appuntamento è stato fissato anche sotto la Madonnina, in piazza Mercanti angolo piazza Duomo, e all’ ombra della Mole Antonelliana in piazza Castello (davanti la prefettura).

L’ orario di ritrovo è lo stesso per tutte le città italiane mobilitate: le 10,30. A tenere le fila della protesta saranno i rispettivi Coordinamenti interassociativi per i diritti delle persone con disabilità: Leda in Lombardia e Cpd in Piemonte. “E' necessario far sentire la propria voce. E con queste due iniziative di sostegno alla manifestazione nazionale si vuole rendere possibile, a chi non è potuto andare a Roma, il diritto a manifestare il proprio dissenso attraverso la propria presenza ai presidi organizzati sul territorio, informando su quanto sta accadendo anche i cittadini e l'opinione pubblica”, fanno sapere i due coordinamenti.

Tre luoghi diversi ma la richiesta è unanime: le associazioni di disabili vogliono l’ abrogazione della norma che prevede l’ innalzamento all’ 85% della soglia necessaria per ottenere l’ assegno di invalidità e la cancellazione o il ritiro dell’ emendamento di maggioranza che rivede i requisiti medico-legali per la concessione dell’ indennità di accompagnamento. “La manovra che il Senato sta per approvare costituisce la peggiore aggressione nella storia repubblicana alle persone con disabilità e alle loro famiglie e crea un’ illegittima disparità tra chi ha la ‘fortuna’ di avere una sola patologia invalidante al 74% – che avrà l’ assegno – e chi ha due patologie che insieme non arrivano all’ 85% che non avrà diritto a nulla. Inoltre toglie l’ indennità di accompagnamento a tutti coloro che in qualche modo (amputati, poliomielitici, disabili mentali, anziani) riescono a camminare”, si legge tra i motivi della protesta. Ma così facendo, “anziché colpire i falsi invalidi il governo renderà la vita più difficile ai disabili veri. Inoltre saranno queste persone a pagare i tagli alle regioni e ai comuni decisi dal ministro dell’ Economia Giulio Tremonti e dalla maggioranza, perché gli enti locali saranno costretti a ridurre i servizi destinati alle persone che invece più hanno bisogno di interventi di sostegno”.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo