Immagine pezzo principale

“Oggi è un giorno di pianto”

Il Papa ricorda Lampedusa e critica lo spirito del mondo.


Pubblicità

Ricorda la tragedia di Lampedusa nel discorso che improvvisa lasciando da parte il testo scritto preparato in precedenza e dice: “Oggi è un giorno di pianto”. E’ il primo Papa che entra nella stanza cosiddetta della spogliazione, vicino al luogo dove Francesco gettò gli abiti di broccato davanti al vescovo Guido e a suo padre imprenditore, rinunciando a tutto per amore del Vangelo.

Bergoglio dice: “I giornali in questi giorni hanno fantasticherie, scrivendo che il Papa andrà a spogliare la Chiesa degli abiti dei vescovi e dei cardinali e spoglierà se stesso”. Ammette che è una “buona occasione per fare un invito alla Chiesa di spogliarsi”. Ma avverte, “la Chiesa siamo tutti e non ci può essere una Chiesa senza croce, senza Gesù e senza spogliazione”. Non legge ancora una volta i fogli che ha in mano e inventa un’ immagine delle sue: “Senza spogliazione si diventa cristiani da pasticceria, belle torte, ma non cristiani davvero”. Dunque la Chiesa deve spogliarsi della mondanità, che porta alla “vanità, alla prepotenza, all’ orgoglio”. La mondanità è “contraria allo spirito delle Beatitudini”. Insomma i cristiani non possono essere sicuri, ma sempre inquieti. Non possono seguire “Dio e il denaro”. Esclama: “Il Vangelo e il Vangelo”. Poi riprende le sollecitazioni del vescovo Sorrentino che nel saluto aveva accennato alla crisi che colpisce lavoro e famiglie: “Oggi tanti di voi sono stati spogliati da questo mondo selvaggio, che non dà lavoro, non aiuta”. E’ un mondo a cui “non importa se ci sono bambini che muoiono di fame, importa se ci sono famiglie che non hanno la dignità di poter portare a casa il pane, non importa se tanta gente deve fuggire e poi trova la morte come è successo ieri a Lampedusa”. Tutto ciò è provocato, aggiunge, “dallo spirito del mondo ed è proprio ridicolo che un cristiano vero, che un prete, una suora, un vescovo, un cardinale, un Papa vogliono andare su questa strada della mondanità”: E’ un atteggiamento omicida”.

Parole fortissime che tuttavia a Bergoglio non bastano e spiega rivolto questa volta agli uomini di Chiesa: “La mondanità spirituale uccide l’ anima, le persone, uccide la Chiesa”. E lo spirito del mondo è “la lebbra, il cancro della società, è il nemico di Gesù”. Alla fine benedice chiede di pregare lui: “Pregate per me che ne ho bisogno”. E china il capo. Fuori Assisi è un tripudio di folla sotto una pioggia sottile. Bergoglio la percorre da un capo all’ altro. Fino alla Basilica Superiore, dove sulla soglia lo saluta il presidente del Consiglio Enrico Letta.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo