Immagine pezzo principale

Nozze gay: «Torino non imitare la pazzia di certi sindaci»

Il cardinale Severino Poletto, arcivecscovo emerito di Torino, celebra la Messa dei defunti al Cimitero Monumentale e lancia un messaggio chiaro: «Mi auguro che qui non si vada dietro la pazzia di certi sindaci che trascrivono i matrimoni omosessuali fatti all’ estero», ha detto.


Pubblicità

Celebra la Messa dei defunti al Cimitero Monumentale di Torino al posto dell’ arcivescovo Nosiglia, impegnato a Gaza, e poi ribadisce la propria posizione sui temi caldi del momento. A cominciare dalle nozze gay che molti sindaci, a cominciare da Ignazio Marino a Roma, hanno deciso di trascrivere in Italia. «Mi auguro che qui non si vada dietro la pazzia di certi sindaci che trascrivono i matrimoni omosessuali fatti all’ estero», è il messaggio del cardinale Severino Poletto, arcivescovo emerito di Torino. «In Italia non si può fare e mi auguro che le leggi tengano conto di questa problematica. In questa vicenda è la visione antropologica della persona che va a farsi benedire».

Anche sulle unioni civili il cardinale è chiaro: «Il matrimonio vero è tra un uomo e una donna. Non sono contrario ai diritti individuali: se due omosessuali vogliono mettersi insieme non li giudico, ma non chiamiamolo matrimonio».     Quanto alle unioni civili, «dipende da che diritti si danno. Se sono gli stessi che si danno a una famiglia non sono d'accordo? Ma ci rendiamo conto che non nascono più bambini? Renzi ha proposto il bonus bebè, mentre nella laicissima Francia sono anni che la famiglia è sostenuta. In Italia stanno morendo gli italiani». Sulla richiesta di riconoscere le coppie gay, Poletto è chiaro: «C’ è una forte componente culturale in tutto questo. I Gay Pride, questo vantarsi, il sindaco Marino che trascrive i matrimoni ripreso dalle televisioni. Tutto diventa una specie di vanto. E io credo così si vada a rovinare qualcosa. Come con la fecondazione eterologa, che spero non venga introdotta». Il motivo? «Si va a rovinare l’ equilibrio di una persona», ha detto Poletto. «Ogni persona ha bisogno di riconoscere chi è sua madre e chi è suo padre. È così anche per i figli adottivi delle coppie omosessuali: che equilibrio può venir fuori ? Il discorso, alla fine, è di fede, ma anche di legge naturale. Dio ha creato l’ uomo e la donna per un motivo fondamentale: una legge naturale dell’ amore, della procreazione, della continuazione della specie. Ma c’ è una corrente di pensiero che se ne infischia della legge naturale e vuole diffondere idee diverse».

 Infine, una riflessione sulla proposta di bus separati per i rom a Borgaro Torinese: «Mi ha lasciato esterrefatto questa vicenda», ha detto. «Se questi ragazzini disturbano, la cosa più giusta è mettere un vigile. Mi ha fatto male che questa storia sia finita su giornali e televisioni, dando un’ immagine non veritiera di Torino, che è una città moderna, aperta».   

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo