Immagine pezzo principale

“Nessun bambino escluso”

L’ Ong “L’ Albero della Vita” lancia una campagna - che durerà fino al 19 novembre - per regalare un futuro possibile a 2,5 milioni di minori italiani a rischio.


Pubblicità

Sono 2 milioni e mezzo i minori in Italia che vivono in condizioni di rischio e di disagio sociale. La povertà relativa, secondo i dati Eurostat, è una realtà quotidiana per 1 bambino italiano su 4.

     Queste le ragioni per cui l’ organismo non governativo "L’ Albero della Vita", che lavora da 14 anni a tutela dei diritti dei minori, ha lanciato nei giorni scorsi  la campagna di comunicazione e raccolta fondi “Nessun  bambino escluso”.

     L’ iniziativa si propone di dare a tanti bambini italiani l’ opportunità di uscire dal disagio e di vivere una vita normale. Dal 1998 ad oggi L’ Albero della Vita ha  operato in 14 regioni Italiane e ha fornito aiuto concreto a 21.000 minori in difficoltà.

     Per sostenere i progetti educativi e le comunità di accoglienza fino al 19 novembre sarà possibile inviare un sms al numero 45508 per donare 2 euro (dai cellulari Tim, Vodafone, Tre, Postemobile, CoopVoce e Tiscali; oppure chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Teletu e Tiscali).

     «La povertà e il disagio sociale non sono, come spesso si pensa, condizioni  che i minori si trovano a vivere solo “dall’ altra parte del mondo”, nei Paesi poveri e del Sud del mondo», spiega Patrizio Paoletti, Presidente dell’ Albero della Vita. «Il fenomeno tocca da vicino anche il nostro Paese. Per quei 2,5 milioni di minori, la cosiddetta “povertà relativa” diventa un ostacolo, spesso insormontabile, rispetto al loro diritto di sperare in un futuro semplicemente “normale”».

     Secondo i dati della Ong, nel Meridione queste percentuali salgono ulteriormente. Innescando una relazione innaturale e perversa tra numero di bambini e status economico della famiglia: più sono i bambini, più la famiglia s’ impoverisce. Nelle famiglie con 3 bambini il livello di povertà relativa sale, dalla media nazionale del 10%, fino al  27,8%.

     Non solo. Sono ben 650 mila (il 6% del totale) i minori che vivono in realtà di povertà assoluta. «Per loro», aggiunge il presidente Paoletti, «le conseguenze sono estreme. Spesso non hanno accesso a esperienze e servizi irrinunciabili: non vanno a scuola (circa 210 mila minori abbandonano i banchi scolastici), non accendono mai un computer, non vedono film al cinema, non leggono libri, non praticano sport».

     «Minori opportunità d’ educazione si trasformano,  con il passare degli anni,  in maggiori probabilità di essere esposti a fattori di rischio, per la salute e non solo. Si stima che ben mezzo milione di minori siano costretti a lavorare».

     L’ Albero della Vita fornisce altri dati preoccupanti: quasi 4000 sono vittime di abuso e violenza, e sono fra 1.500 e 1.800 le vittime di prostituzione minorile di strada (dati del Centro nazionale di documentazione e analisi per l’ infanzia e l’ adolescenza di Stato).

«“Nessun bambino escluso” per noi significa che nessuna vita deve essere offesa», conclude Paoletti. «La campagna ha l’ obiettivo di dire una volta e per tutte basta alla povertà e al disagio minorile  e di riaffermare, grazie al sostegno delle istituzioni, dei media e dei cittadini,  il profondo diritto ad un futuro possibile per tutti i minori».

     La campagna ha lo scopo di finanziare i 15 progetti di accoglienza ed educativi in corso, che diventeranno 17 entro la fine del 2011, che coinvolgono oltre 500 minori sostenuti nei centri di accoglienza, interventi educativi e sostegno alle mamme e alle donne in difficoltà (per maggiori informazioni si può vedere il sito www.alberodellavita.org).

     L’ Ong, peraltro, non opera solo in Italia. È presente in 11 Paesi, e i beneficiari indiretti dei suoi interventi sono circa 1 milione. Si occupa principalmente di scolarizzazione, assistenza medica, sicurezza alimentare, accoglienza, sensibilizzazione sui diritti dell’ infanzia. In questi anni, quasi 60.000 bambini del Kenia, Perù, India, Romania, Haiti (nell’ emergenza-colera) hanno ricevuto assistenza sanitaria.

FRANCESCO: IL BAMBINO CHE VIVEVA SUGLI ARMADI

Quando è arrivato, Francesco non parlava. Sembrava più piccolo dei suoi 7 anni, forse perché davanti agli altri si faceva minuscolo, come se volesse scomparire.

     Quando siamo andati a cercarlo nella sua stanza, però sembrava scomparso per davvero. Non rispondeva, e non era da nessuna parte. Ci sono bambini magici, è vero, ma non era mai successo che uno di loro diventasse invisibile.

     Un giorno però una mano, anzi, un angolino di una mano, spunta da sopra l’ armadio. Ecco dov’ era. Si era appollaiato come un uccellino nel posto più alto della stanza. Un nido alto e protetto, difficile da raggiungere.

     Non c’ era verso di farlo scendere. Aveva paura di qualsiasi contatto. Aveva avuto una madre che lo picchiava e gli spegneva le sigarette sulle braccia. Una madre bassa, per fortuna, che in cima all’ armadio non ci arrivava. Almeno quello. Ecco il perché di quell’ altezza, di quella fuga verso l’ alto.

     Un educatore invertì la rotta: invece di invitarlo a scendere, salì sull’ armadio con lui. Lo stupì, e aprì un varco in quel bambino chiuso a chiave per troppa violenza.

     Piano piano il bambino che viveva sugli armadi cominciò a fidarsi di nuovo degli adulti, a credere che i grandi non sono tutti uguali. Ci sono quelli che non gli hanno voluto bene, ma anche quelli che diventano uccellino come lui, per tirarlo giù dal nido.

LA BAMBINA CHE HA MAL DI SCHIENA COME I GRANDI

Maria ha 9 anni, è di Milano, e Milano è una bella città. A Milano ci sono gli affari, la borsa, le scuole private. Però Maria non lo sa. Potrebbe vivere ovunque, tanto il suo mondo è limitato alla periferia dove vive.

     Una di quelle zone al limite di tutto, della città, dell’ anonimato e della sopravvivenza. Lei è lì, che sta. A morire di caldo d’ estate e a gelare d’ inverno, perché il riscaldamento è un lusso che da un po’ lei e la sua famiglia non si possono più permettere.

     E’ troppo magra, e ha mal di schiena, Maria. Un male da grandi, perché i bambini, con tutto il loro correre nei parchi e andare ai corsi di nuoto e danza, mica ce l’ hanno, il mal di schiena.

     Solo che lei non corre, e danza non ci va. Lei sta china tutto il giorno a pulire. Mattina e sera, ha sempre davanti quella distesa di gradini che sembrano non finire mai.

     Una bambina che lavora sembra qualcosa di lontano, invece lei magari è proprio qui, al piano di sotto, invisibile e silenziosa. Niente scuola, niente intervallo, niente zainetto per lei. Lo zainetto pesante, pieno di libri, quello sì che sarebbe un buon motivo per avere mal di schiena.

     Maria sorride comunque, perché non sempre i bambini si rendono conto della piega che ha preso la loro vita. Ma se la guardi meglio,  ti accorgi che è un sorriso amaro, tirato, stanco. Senza corse a perdifiato nel cortile con gli amici.


IL BAMBINO CHE S’ IMMAGINA IL MARE

Gaetano lo chiamano Aità. Nelle case popolari del quartiere di Secondigliano dove abita lui, tutti hanno un soprannome. Il suo è Aità.

     Ha 11 anni e la faccia da bullo, la faccia storta di uno a cui hanno rotto il naso durante una rissa. O almeno, lui dice così. Guai se si pensasse che è successo in casa. Non è mica una femminuccia lui, e poi suo padre non gliele mette più le mani addosso. Quasi mai. Solo la domenica, quando nelle case popolari la gente fa casino e lui si innervosisce per il rumore.

     Aità cerca di calmarlo, oppure esce. Solo che lì dove abita lui non c’ è niente da fare. E’ triste, vuoto, nessuno ha voglia di inventarsi dei giochi. La bicicletta? Magari. Ma se nemmeno riesce a farsi comprare un pallone serio. O si mangia o si gioca, dice la mamma.

     Aità ha capito che è meglio mangiare, perché se no muori, e allora di giocare te lo scordi per sempre. A volte, quando c’ è il vento forte, arriva un profumo diverso. Come di sale e libertà insieme. Aità sa che è il mare. Gliel’ hanno raccontato degli zii che una volta ci sono andati.

     Il mare è un sogno. Pulito, magico, pieno di pesci. Solo che ci vuole la macchina, o i biglietti per il treno. Che favola. Magari un giorno qualche amico ricco con la macchina gli fa il regalo più grande del mondo e lo porta.

Immagine articolo
In una casa occupata (Foto agenzia Sintesi).
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo