Immagine pezzo principale

Nel mondo, sulle orme di don Bosco

Volontari internazionali, cittadini responsabili: il Volontariato internazionale per lo sviluppo opera aggiornando l'insegnamento del Santo dei giovani. Volti, testimonianze, progetti.


Pubblicità

Archiviati i festeggiamenti, il Vis guarda avanti. Ha 25 anni compiuti. Continua a garantire una presenza operosa nei vari continenti nel segno di don Giovanni Bosco. L'organizzazione non governativa Volontariato internazionale per lo sviluppo (Vis, appunto) nasce, infatti, il 3 marzo 1986 a Torino, ben radicata nel mondo (e nello spirito) salesiano.


Oggi il Vis è attivo in numerosi Paesi agendo tramite progetti di sviluppo, il sostegno a distanza, le iniziative di emergenza e l'aiuto alle opere missionarie. Gli interventi del Vis sono orientati allo sviluppo delle comunità locali e prevalentemente rivolti a favore di bambini, adolescenti e giovani in condizione di povertà, svantaggio e disagio. I progetti di sviluppo mirano a contrastare, rimuovere le cause e prevenire l'aggravarsi delle condizioni di povertà, indigenza e arretratezza, attraverso la creazione di processi volti all'ampliamento delle capacità e delle opportunità delle persone.

Tanti campi d'azione. E anche tante testimonianze. Tanti storie di generosità e di dedizione. Ecco alcuni esempi.




Ecuador-Egitto, andata e ritorno


Laura Scalvenzi e Matteo Radice hanno intrapreso la loro avventura con il Vontariato internazionale per lo sviluppo in Ecuador, nel 2002. Sono rientrati dopo sei anni, con l’ arrivo della piccola Claudia. Nel 2010 si sono rimessi in gioco, partendo per l’ Egitto, sempre con il Vis, per poi ritornare nel 2011 in Ecuador, dove attualmente risiedono e lavorano nel campo della biodiversità.

Prima il Congo, poi Haiti

Dopo sei anni di esperienza a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo, Sara Persico dal gennaio 2011 è ad Haiti come referente del Volontariato internazionale per lo sviluppo (Vis) per i progetti di emergenza e ricostruzione del post-terremoto.


Abbracci di pace

Chiara D'Onofrio parte per Haiti nel giugno 2010. Circa un anno e mezzo dopo, nel novembre 2011, rientra a Roma, la città in cui vive. È laureata in antropologia e prima di rimboccarsi le maniche con il Vis ha lavorato in Sri Lanka per il Dipartimento della Protezione civile in un progetto di emergenza post-tsunami.

Da Colombo a Lima, con la famiglia al fianco


Giovanna Fortuni, dopo le esperienze con il Volontariato internazionale per lo sviluppo in Sri Lanka (2005-2007) e in Etiopia (2007-2009), Giovanna Fortuni continua a lavorare nella cooperazione allo sviluppo. Attualmente coordina e supervisiona le persone impiegate in alcuni programmi ambientali, sociali e di inserimento lavorativo in Perù di una Ong italiana. Vive a Lima con il marito Axel e i figli Filippo e Lorenzo di 4 e 2 anni.

Immagine articolo
Un progetto del Vis (Volontariato internazionale per lo sviluppo) a favore dell'infanzia in Sudan (foto: archivio Vis).
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo