Immagine pezzo principale

«Vieni anche tu, attorno a quella mangiatoia c'è posto per tutti»

Una meditazione di don Maurizio Patriciello, il sacerdote della Terra del fuochi, da sempre vicino agli ultimi: «Un neonato piange nella notte. Quel neonato è il Dio con noi. Mistero di fede e di ragione. Il Bambinello nel presepe ci costringe ad arrenderci. Capiamo e non capiamo. Il mistero è questo, una realtà che supera ma non contraddice la ragione. Nel presepe, c’ è spazio: non ha proprietari ma solo servi. Nessuno ha il diritto di sentirsi migliore; a nessuno è dato di poter giudicare la fede o i sentimenti dell’ altro. Facciamo silenzio, allora. Inginocchiamoci. Liberiamo il cuore».


Pubblicità

Ancora poche ore e sarà Natale. Un neonato piange nella notte. Quel neonato è il Dio con noi. Mistero di fede e di ragione. Il Bambinello nel presepe ci costringe ad arrenderci. Capiamo e non capiamo. Il mistero è questo, una realtà che supera ma non contraddice la ragione. Ogni anno in questi giorni c’ è chi si lamenta del costo eccessivo delle luminarie e chi, invece, ne gode e ne gioisce; chi si ferma a contare il numero dei credenti che vanno a Messa e chi, invece, guarda ai bambini del terzo mondo. Chi si sente in diritto di rimproverare le mamme per aver ceduto alla tentazione di arricchire la tavola e chi ha bisogno di quel poco di superfluo per continuare il viaggio faticoso della vita.

In quanto a me, sono contento di vedere la gente contenta. C’ è nell’ aria, in questi giorni benedetti, qualcosa cui tanti non sanno dare un nome, che ti invita a riprendere le forze, a guardare avanti, ad andare oltre. A non arrenderti. A condividere il poco che hai con chi ha meno di te. Da dove viene questa gioia immotivata? Che cos’ è? Una grazia particolare? Un dono inaspettato del Dio bambino? Non lo so; so solo che ho imparato ad andarci piano nel giudicare. La grazia non sempre avanza per le vie collaudate e sicure, a volte riesce a scovare sentieri sconosciuti e impervi che arrivano dritti al cuore. «Chi sono io per giudicare?» ha detto un giorno papa Francesco. Già, chi sono io?  

"E’ vero, a Natale si è tutti un po’ più buoni, ma poi passa” ho sentito dire. Può darsi che sia vero, ma intanto è un fatto che a Natale, chissà perché, avvertiamo una spinta ad essere più buoni. Approfittiamone. Questa bontà potrebbe aprire la porta a non poche sorprese. Immergiamoci in questo giorno di Natale. Fidiamoci. Viviamo questo giorno con lo stupore dei bambini. Lasciamoci condurre per mano da un angelo. Un angelo che potrebbe avere il volto di un amico, della mamma, di un sacerdote, del Papa o di un senzatetto. Guardiamo con occhi nuovi, innocenti, complici, il mondo dei giovani. Non è vero che sono tutti egoisti,  superficiali.

Da Napoli centro, lunedì 23 dicembre, una trentina di giovani sono arrivati in parrocchia. Gioiosi, sorridenti, chiassosi, spigliati. Hanno le macchine zeppe di alimenti per le famiglie più bisognose. Non ci conosciamo di persona, non ci siamo mai visti prima, evidentemente, hanno saputo che nel nostro quartiere tante famiglie sono veramente povere e si sono dati da fare. Avrebbero voluto consegnare di persona i pacchi doni, ma hanno capito che con i poveri occorre essere discreti. La nostra generosità non deve umiliare la loro dignità. Hanno portato, inoltre, centinaia di libri per aiutarci ad allestire una biblioteca. I nostri ragazzi hanno bisogno di leggere, studiare, confrontarsi per poter mettere le ali. Siamo stati bene insieme; abbiamo scherzato e riso; abbiamo scattato foto davanti al presepe e ci siamo scambiati gli auguri. Poi hanno ripreso la strada per tornare a casa. Di gesti belli come questi, in Italia e nel mondo, in questi giorni ce ne sono stati a migliaia. Quanta carità è passata per le nostre chiese, quanti sorrisi sono stati accesi su volti sconosciuti da persone amiche e da persone sconosciute. Per amore di Dio, per amore dell’ uomo o solo perché costretti da una forza misteriosa. Come un fiume carsico tanto bene è scivolato per le nostre mani per finire nelle mani dei poveri. Questa notte le nostre chiese si riempiranno di persone. Tante sono credenti osservanti, altre, credenti occasionali, altre ancora, non credenti, ma col cuore aperto e pieno di nostalgia.

Attorno al presepe c’ è spazio per tutti. La mangiatoia non ha proprietari ma solo servi. Nessuno ha il diritto di sentirsi migliore; a nessuno è dato di poter giudicare la fede o i sentimenti dell’ altro. Se sono venuti vuol dire che sono stati chiamati. Da chi, lo sappiamo bene. Ciò che accade nel cuore di tanta gente, questa notte - magica e benedetta – è un miracolo che nemmeno il diretto interessato riesce a decifrare. Facciamo silenzio, allora. Inginocchiamoci.  Liberiamo il cuore. Adoriamo il Dio- bambino. E, commossi, ringraziamo. Buon Natale, compagni del mio pellegrinaggio.

                                                                                           Padre Maurizio Patriciello

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo