Immagine pezzo principale

Miriam Leone, in costume ritorno bambina

L'ex miss Italia è protagonista di La dama velata, fiction ambientata nell'Ottocento in onda su Rai 1 dal 17 marzo


Pubblicità

Occhi verdi, capelli rossi, elegante: Miriam Leone, siciliana di Acireale, non passa inosservata. L'ex Miss Italia è protagonista assoluta de La dama velata, fiction in onda dal 17 marzo su Rai 1.

Miriam, va bene che Lux Vide è marchio di qualità, ma cosa ha pensato quando le hanno proposto una storia in costume?
«L’ idea mi ha incantata», risponde con voce argentina, più giovane dei trent’ anni che compirà il prossimo 14 aprile. «Il passato mi ha sempre affascinata, anche grazie ai racconti che mi faceva nonna Maria, cui ero legatissima. E poi il pensiero di indossare quei bellissimi costumi...».

Che cosa ha in comune con la dama velata del titolo? 

«Il coraggio. Clara è una ribelle per la fine dell’ Ottocento, epoca ancora dominata dal maschilismo patriarcale. Si ritrova in un matrimonio combinato, al centro di una storia d’ amore e di vendetta. Ma saprà venirne fuori da eroina, una di quelle donne capaci di trasformare la famiglia da mera proprietà da amministrare a luogo delle radici personali e dell’ amore».

Da I promessi sposi con Paola Pitagora, passando per La Baronessa di Carini con Janet Agren, fino al recente Elisa di Rivombrosa con Vittoria Puccini, il romanzo popolare in costume è da sempre trampolino di lancio per le attrici...
«Giuro, non ci ho pensato. Mi sono innamorata di Clara e di una storia che un po’ ricorda Downton Abbey e un po’ le atmosfere alla Hitchcock. Un’ esperienza bellissima. Abbiamo girato per sei mesi in Trentino, in luoghi ricchi di fascino. Cerco sempre di dare il meglio. Quello che poi viene è un dono».

Come convive con la bellezza, con l’ etichetta di ex miss?
«Sono una normale, mica vivo con lo specchio in mano. Sono grata a Miss Italia. Come fare un provino di fronte a milioni di persone. Ma io mi sento ex bambina prodigio. Lo sa che a 4 anni sapevo già leggere? Ho imparato da sola, con i libri e le audiocassette».


Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo