Immagine pezzo principale

Milano abbraccia Pietro

Mercoledì 3 aprile circa diecimila pellegrini ambrosiani, guidati dall'arcivescovo di Milano, cardinale Angelo Scola, hanno incontrato a Roma papa Francesco.


Pubblicità

Milano arriva a Roma, sbarca in piazza San Pietro con 10 mila fedeli, la maggior parte ragazzi intorno ai 14 anni. Mercoledì 3 aprile, l’ ampio spazio delimitato dal colonnato berniniano si riempie per l’ udienza generale: il cardinale Angelo Scola guida il pellegrinaggio della sua diocesi all’ incontro con il nuovo Papa. E’ una giornata di entusiasmo e di saluti, di canti, di festa insomma. Il feeling fra Francesco e il popolo di Dio prosegue e si allarga. Il cardinale Scola, dal canto suo, parlando con i giornalisti  racconta le impressioni dell'incontro con il vescovo di Roma e ragiona sulle sfide che la Chiesa deve affrontare.

La prima è quella di ricucire lo strappo fra fede e vita. E' qui che la Chiesa s'è incagliata, secondo Scola. Per questo c’ è bisogno di testimoni forti, come già diceva Paolo VI, credibili, che non siano solo maestri. E poi l’ attenzione agli emarginati, alla giustizia sociale, quindi le sfide della modernità poste dalla scienza e quelle delle migrazioni e dei  nuovi assetti internazionali per gestire il rapporto fra finanza, economia e politica. Il  pellegrinaggio dei milanesi a Roma era già in programma prima dell’ elezione di Francesco, per questo  il “grazie” dell’ arcivescovo va subito a Benedetto XVI “in modo particolare per la sua venuta a Milano per il VII incontro mondiale della famiglia”. E poi il pensiero a questo nuovo Papa “che già dai primi passi sta suscitando un’ attenzione e un credito” in grado di mostrare una cosa: e cioè “che la Chiesa è capace sempre di sorprendere e di novità perché la Chiesa è ultimamente garantita e assistita dallo spirito di Gesù risorto e le debolezza le fragilità di noi uomini di Chiesa non riescono in ultima analisi a intaccare questo dato”.  Accenti diversi ma continuità fra Benedetto e Francesco. Forte è l’ attesa per questo pontificato: “Francesco in 21 giorni ha conquistato tutti", prosegue il cardinale Scola, "è una cosa molto bella, impressionante e della quale l’ umanità intera non può che essere lieta”.

“Tutti  - afferma ancora il cardinale - siamo in attesa della fecondità che il suo ministero potrà avere nel testimoniare il cuore della vita cristiana, cioè la certezza incrollabile che in Gesù morto e risorto il terrore della morte è vinto e soprattutto noi siamo liberati persino dal nostro peccato se lo riconosciamo. In  tutti i momenti  papa Francesco ha ribadito questo come nucleo centrale della fede secondo un stile che evidentemente e chiaramente è confacente alla sua personalità”. “Una personalità – precisa l’ arcivescovo di Milano - in grande continuità, sia pure nelle differenze di accento, con quella di Benedetto XVI; i due hanno in comune una grandissima virtù, che è difficile purtroppo da perseguire, l’ umiltà”.

E poi c’ è il Papa che piace ai giovani, i ragazzi, non solo quelli di Milano, che amano fin da subito il Pontefice venuto dall’ Argentina. Questo accade, dice il cardinale, perché “l’ umiltà lascia trasparire la verità e purtroppo in noi adulti oggi ci sono troppi infingimenti. Quando un uomo si mostra nella sua verità fino in fondo i ragazzi subito lo abbracciano come abbiamo visto”.   Ricucire lo strappo fra fede e vita. Un imperativo, oggi. Circa le sfide che attendono papa Francesco, ragiona l’ arcivescovo di Milano, sono le stesse che hanno di fronte le chiese in questo momento: “vale a dire una rigenerazione della sostanza della fede, cioè del cuore della fede, Cristo morto e risorto, per poter ridare corpo alla Chiesa”. Ma per fare questo, come ha ripetuto lo stesso Francesco “c’ è bisogno di testimoni”.

“Ricordiamoci – prosegue Scola - che già Paolo VI diceva che questo mondo non è più tanto disposto a credere solo ai maestri a meno che non siano anche testimoni, e diceva quindi che ci vogliono testimoni e già denunciava quella che poi si è rivelata essere la ragione della fatica della Chiesa, cioè la frattura fra la fede e la vita”. Per questo “la sfida numero uno è ricucire tale frattura, mostrare che credere in Cristo c’ entra con quel che devo fare tutti i giorni, c’ entra con l’ alzarmi e con l’ andare al lavoro, c’ entra con le fatiche negli affetti, con il tirare su i figli, con l’ occuparsi soprattutto di chi è nel bisogno, dei più emarginati degli umili, con la costruzione della giustizia sociale, con la capacità di ripensare forme di vita civile che siano realmente espressione di vita buona, di trovare strade per un buon governo e così via”.  

Il nodo del rapporto fra finanza e politica. C’ è però anche una dimensione mondiale dei problemi delle società contemporanee, e pure in tale prospettiva la Chiesa e il Papa hanno di fronte questioni cruciali. “A livello mondiale –  spiega l’ arcivescovo - esistono problemi strutturali che vanno affrontati, come quello del rapporto fra economia, finanza e politica, e poi tutti i fattori legati al grande travaglio di questo cambiamento di millennio, le sfide in senso buono e positivo che la scienza pone, le biotecnologie, la neuroscienza, la microfisica, il mescolamento dei popoli che è in atto, la civiltà delle reti, l’ esigenza di un ordine mondiale nuovo, insomma le questioni sono molte”.

Il cardinale Angelo Scola è soddisfatto del pellegrinaggio milanese: “E’ straordinario, ci sono 6 mila quattordicenni che hanno tutta la vitalità e la forza della loro età, un’ apertura che entusiasma e ringiovanisce”. Senza dimenticare “gli adulti che li accompagnano, moltissimi sacerdoti, religiosi e  religiose, moltissimi genitori”, “credo  - dice Scola - che se sommiamo questo pellegrinaggio a Roma dei quattordicenni agli ottomila giovani che si sono riuniti la sera prima delle Palme, in Duomo, a Milano, per la consegna del ‘credo’ e agli altri 5 mila del giorno dopo, si vede che i giovani sono ancora tanti. Non è vero che le chiese si svuotano.”

La questione femminile, infine: ne parla il Papa nel corso dell’ udienza generale. Francesco ricorda la necessità che le donne abbiano un ruolo crescente nella Chiesa, del resto ha aggiunto, già nei Vangeli esse assumono “un ruolo primario, fondamentale”. Da questo punto di vista, ha detto Scola, il Papa ha toccato un punto “di straordinaria importanza. Il Papa ha dato anche una motivazione veramente efficace. Vale a dire il fatto che la tradizione dell’ epoca non rendesse affidabile, nella logica ebraica, la testimonianza delle donne e dei bambini e che invece Gesù cerca innanzitutto la loro testimonianza” sta a significare la novità “il peso e la forza che Gesù dava alla donna, quella che Giovanni Paolo II chiamava il genio femminile”.       

Francesco Peloso

Erano in diecimila in piazza San Pietro, con altre decine di migliaia di fedeli, di pellegrini provenienti da ogni parte del mondo. Tanti i milanesi in piazza San Pietro, almeno 6mila di loro ragazzi giovanissimi che hanno salutato e abbracciato papa Francesco. Tanto che il Pontefice ha esclamato “sono entusiasti questi milanesi!”. Una battuta che ha fatto da contrappunto al boato che si è levato dalla piazza. Insieme ai ragazzi, sul sagrato,l’ arcivescovo Angelo Scola e il suo predecessore, Dionigi Tettamanzi. Così la seconda udienza generale del mercoledì è stata di nuovo un bagno di folla contrassegnata dal calore ambrosiano. Al termine della catechesi Bergoglio, come è sua abitudine, si è intrattenuto a lungo a salutare i fedeli delle prime file dietro le transenne. 

Lo ha accompagnato il cardinale Scola, che gli ha presentato sacerdoti, religiosi, laici, tutti che volevano stringere almeno un momento la mano al Papa. Nel frattempo Francesco e l’ arcivescovo di Milano hanno parlato fra di loro in modo familiare passeggiando vicino alla folla assiepata dietro le transenne. Lo stile del Papa argentino del resto è questo e anche le situazioni ufficiali spesso diventano occasioni di scambi e incontri semplici nei modi in un’ atmosfera che tende a ridurre le distanze fra le persone. Così, in tanti, ancora una volta hanno voluto ‘presentare’ i proprio bambini, anche molto piccoli, al Papa che da parte sua non si tira indietro.

E’ stata questa, forse, il momento della cerimonia più intenso della mattinata. Nel frattempo migliaia di ragazzi hanno cominciato a sciamare per piazza San Pietro e via della Conciliazione in lunghe catene umane, mano nella mano, per non perdersi, in una confusione da giornata di festa. Poco meno di un anno fa il Papa, Benedetto XVI, andò a Milano per il VII Incontro mondiale delle famiglie, ieri a Roma l’ abbraccio fra la Chiesa ambrosiana e la sede di Pietro è stato ricambiato.  

Francesco Peloso

Reportage di Annamaria Braccini per FamigliaCristiana.it

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo