Immagine pezzo principale

Salviamo Maaloula, dove si parla la lingua di Gesù


Pubblicità

E' uno degli ultimi tre luoghi al mondo dove ancora oggi, come duemila anni fa, si parla l'aramaico, la lingua di Gesù. Maaloula è un antichissimo paese a circa 60 chilometri a nord di Damasco, a breve distanza dal confine con il Libano, una piccola comunità cristiana - abitata soprattutto da greco-cattolici -  incastonata fra due montagne, simbolo di convivenza tra le fedi e centro vitale della cristianità nel Medio Oriente, dove «case e chiese si confondono le une con le altre», come hanno spiegato alcuni abitanti locali all'agenzia Fides. Qui tutto parla di antichità, a partire dalle case scavate nella roccia, addossate l'una sull'altra.

Nel 2008 Bashar al Assad e sua moglie Asma si recarono a Maaloula e visitarono il monastero di Santa Tecla, dove celebrarono la Pasqua con i piccoli orfani che lì vengono cresciuti ed educati dalle monache. Nello stesso anno, Assad tornò a Maaloula con l'ex presidente Usa e Nobel per la pace Jimmy Carter. Eventi ed immagini di un altro tempo, lontani anni luce dallo strazio e dal martirio che il Paese ora sta subendo.

Oggi, questa comunità unica al mondo, classificata come Patrimonio dell'umanità dall'Unesco, vive sotto la minaccia della distruzione: come ha raccontato un sacerdote del luogo ad Asianews, gruppi armati di estremisti islamici hanno preso di mira il villaggio e hanno cominciato a distruggere le case. Moltissimi abitanti sono stati costretti a fuggire e solo poche centinaia di cristiani, soprattutto i giovani, sono rimasti per difendere le loro abitazioni. Maaloula è famosa per alcuni importanti santuari, meta di pellegrinaggi: oltre al monastero di Santa Tecla, abitato da monache ortodosse, il convento di San Sergio che ospita preti melkiti (greco-ortodossi), arroccato sulla cima di un monte. Il sacerdote ha raccontato che i gruppi armati hanno distrutto le croci della cupola di San Sergio. Ma la maggioranza della comunità islamica locale - ha commentato - è ancora con i cristiani: «Lo sheick ha condannato gli attacchi affermando che quanto sta avvenendo è contro l'islam».

A Maaloula si prega e si spera, in comunione con papa Francesco. Il patriarca melkita Gregorio III Laham ha riferito a Fides che il 7 settembre i cristiani vivranno la veglia di preghiera e digiuno nella Cattedrale dell'Assunzione di Maria a Damasco. La comunità cristiana siriana lancia un forte e accorato appello a salvare Maaloula, simbolo della cristianità ma anche di quell'esemplare rispetto e di quella pacifica coabitazione tra le confessioni che ha attraversato tutta la storia della Siria. E che le minoranze religiose nel Paese ora temono di vedere seppellita dalla violenza e dall'orrore del conflitto.  

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo