Immagine pezzo principale

Lucilla Giagnoni: l'apocalisse ci salverà

«Il pubblico ha sete di spettacoli che diventino strumenti di crescita», dice la regista-attrice, fra i protagonisti dei "Teatri del sacro" che si svolgerà a Roma e Milano.


Pubblicità

Mentre la terza edizione di I teatri del sacro, rassegna biennale organizzata da Federgat (Federazione gruppi attività teatrali), diretta da Fabrizio Fiaschini, si svolgerà nel 2013 a Lucca, una selezione dei vincitori delle edizioni 2009 e 2011 viene rappresentata a Roma (dal 28 marzo al 26 maggio) e a Milano (dal 27 marzo al 4 aprile e, in concomitanza con il VII Incontro Mondiale delle Famiglie, dal 30 maggio al 3 giugno). Un’ occasione, che unisce le due città, per confrontarsi sui temi della spiritualità e per riflettere su inquietudini e speranze dell’ uomo contemporaneo con spettacoli che spaziano dai testi biblici alle tradizioni popolari, dalla prosa alla danza, dal teatro ragazzi al teatro di narrazione.

Tra gli altri Apocalisse, ultimo lavoro scritto e interpretato da Lucilla Giagnoni che, dopo vent’ anni di esperienze con Teatro Settimo, insieme alla sua “famiglia artistica” composta da Gabriele Vacis e Laura Curino, in seguito all’ 11 settembre 2001 intraprende un percorso autonomo di riflessione costituito da una trilogia: Vergine Madre, Big Bang e Apocalisse. I suoi ricordi si sovrappongono a quelli di molte persone: «Mia figlia aveva 4 anni e, mentre guardava i cartoni animati in tv, sono apparse in diretta le immagini del crollo delle Torri gemelle. Ho avuto una reazione, oltre che personale, come artista sentendo la necessità di uscire dall’ inferno in cui stavamo precipitando e ho pensato a Dante che ci ha mostrato una via per uscire dall’ inferno, così ho realizzato uno spettacolo intorno alla Divina Commedia, intitolato Vergine Madre, in cui una voce femminile ripercorre sei episodi in una sorta di commedia umana strutturata per temi: il viaggio nell’ aldilà, la Donna (Francesca), l’ Uomo (Ulisse), il Padre (Ugolino), la Bambina (Piccarda), la Madre (Vergine Madre nella preghiera di San Bernardo).

Lucilla Giagnoni recita poi Big Bang sulla creazione del mondo e rielabora in un personale adattamento, studiando anche l’ ebraico, l’ Apocalisse, unendo il testo biblico all’ Edipo re di Sofocle. «Tratteggio - prosegue -  un percorso di conoscenza di sé, scoprendo che l’ Apocalisse che chiude le scritture per i cristiani, diviene una rivelazione che è il primo significato del termine greco, un togliere il velo e svelare la verità. In un mondo di ciechi che credono di vedere e, dunque, di sapere, il mistero si rivela solo a chi sappia guardare, a chi abbia occhi nuovi. Cecità e Rivelazione fanno pensare al personaggio del teatro greco Edipo».

Il pubblico «cerca spettacoli che diventino strumento di crescita,
soprattutto nel periodo di Quaresima, che una volta era interdetto agli artisti, ora si assiste a un fiorire di iniziative». Dedicandosi sia alla scrittura che alle tournée, con un marito musicista, collaboratore anche dei suoi spettacoli, la Giagnoni confida: «Mia figlia quindicenne, crescendo sta acquistando tanta autonomia e comprensione della situazione di avere due genitori spesso in viaggio di lavoro, e d’ estate ci segue, tanto che è diventata un fonico! Prima scriveva, adesso è interessata alla parte tecnica, è divertente vederla che tira cavi».

Nell'ambito del teatro impegnato a misurarsi con la spiritualità, va segnalato anche lo spettacolo Ho intervistato il silenzio, riduzione dell’ omonimo libro-inchiesta scritto negli anni ’ 70 dal giornalista Giampiero Beltotto. Il regista Alfredo Traversa mette dunque in scena i pensieri più intimi di donne che hanno scelto la clausura: tre donne sul palco, dall'inizio alla fine, si domanderanno il perché della vita, della sofferenza, del lavoro... La prima al Teatro Ambra alla Garbatella, a Roma, l'11 e il 12 aprile. 

DOVE & QUANDO
I TEATRI DEL SACRO, dal 28 marzo al 26 maggio a  Roma e dal 27 marzo al 4 aprile e dal 30 maggio al 3 giugno a Milano, in vari teatri, per il calendario completo: http://blog.iteatridelsacro.it, TEL. 06/44.24.135.
APOCALISSE di e con  Lucilla Giagnoni, Musiche di Paolo Pizzimenti,  20 maggio, Centrale Preneste Teatro, Roma.
HO INTERVISTATO IL SILENZIO, di Alfredo Traversa, Teatro Ambra alla Garbatella di Roma, l'11 e 12 aprile. Info: tel. 06/81.17.39.00

Immagine articolo
Lucilla Giagnoni in Apocalisse.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo