Immagine pezzo principale

Libano, Natale al fronte

Alla vigilia della festa della Natività siamo stati tra i soldati italiani schierati al confine con Israele. A colloquio con il cappellano, don Fausto, e con altri militari. Nostro reportage.


Pubblicità

 

Shama, Libano meridionale

L'atmosfera è malinconica ma allo stesso tempo serena fra chi sa di dover trascorrere il Natale in Libano. «Si fa gruppo perché - come spiega don Fausto, cappellano militare - l'unione e la vicinanza umana è ciò spinge ad andare avanti. Per molti soldati sarà un Natale lontano migliaia di chilometri da casa – aggiunge – ma che con il contributo dell'intero reggimento dei Granatieri di Sardegna, si cercherà di scaldare ricreando un'atmosfera di comunione e di familiarità».

In parte don Fausto, mantovano di origine - ci è già riuscito, nonostante sia arrivato a Shama solo da poche settimane. Ha formato un coro all'interno della cappella Regina Pacis dove si terrà una particolare messa di mezzanotte: un gruppo di soldati riarrangia, infatti, pezzi pop del panorama musicale internazionale dal forte sentimento cristiano come «I still haven't found what I'm looking for» degli U2 - Non ho ancora trovato quel che sto cercando - che, suonata di sera, per le prove della santa messa di Natale, dà le stesse emozioni di un coro gospel.  .


 

La voce è quella di un giovane soldato salernitano di trent'anni, Gianluigi Sabbarese, che spiega: «In missione si può e si deve ricreare la normalità della vita trascorsa a casa, è fondamentale per non sentirsi estraniati». C'è poi un video clip realizzato dall'Ufficio Pubblica informazione di stanza a Shama – guidato dal Maggiore Fabiano Feliciani - che riassume tutte le fasi di preparazione degli otto alberi di natale allestiti in base, quattro solo in chiesa, e dei presepi realizzati dai militari italiani nelle diverse sezioni ed uffici. Le immagini montate dal caporal maggiore scelto Francesco de Chirico mostrano i volti e i sorrisi dei caschi blu italiani. Il sorriso è una componente che non manca affatto fra i soldati in missione all'estero.

Come quello del caporal maggiore Giorgia Aureli, 24 anni di Camerino, giovane sminatrice del Sesto Reggimento Genio Pioneri di Roma - guidato in Libano dal colonnello Maurizio Todaro. Lei, come altri colleghi, è impegnata sull'altura del villaggio di Yanine sui campi minati a confine con Israele. Sa perfettamente perché è lì e il sorriso si stempera quando spiega il valore della missione: «Per me è una soddisfazione creare il varco per poter piantare i blue pillar. Lavoriamo di squadra e siamo qui per questo».

È la sua prima missione all'estero e – dice – non sarà l'ultima. Non sarà la loro ultima volta a Shama neanche per i ragazzi del “Mosan Center” – ospiti per il Natale nella base italiana. Il Mosan si trova a Tiro ed è un centro di recupero per bambini e ragazzi affetti dalla sindrome di down. Una struttura che è frutto della collaborazione tra i civili libanesi e il contingente italiano nell'ambito delle attività Cimic. Il sorriso dei bambini del Mosan è contagioso e il loro abbraccio lascia intenerire anche i soldati. Il maresciallo Massimo Carangelo, Pubblica Informazione dello Stato Maggiore della Difesa, non può che rispondere con lo stesso affetto quando una bambina lo stringe come se lo conoscesse da sempre.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo