Immagine pezzo principale

La guerra piace solo agli stupidi

La guerra è diventata lo strumento peggiore per risolvere le crisi politiche di qualunque genere. E non c'è guerra, da Gaza all'Ucraina, dall'Irak alla Siria, che non abbia reso ancor più crudele e difficile la situazione.


Pubblicità

Tre crisi, una sola lezione. Dall'Ucraina a Gaza all'Irak, basta avere occhi per vedere e buon senso per riflettere per fare proprio il grido lanciato da tanti papi, ultimo Francesco: basta guerre!

Ho citato tre situazioni molto diverse tra loro, in tre aree del pianeta che poco o nulla si somigliano, perché anche a un esame superficiale risulta evidente che, oggi, la guerra è uno strumento totalmente inutile per risolvere i problemi politici. E' uno strumento "stupido", ottuso. Tecnicamente e filosoficamente. E chiunque oggi si faccia promotore di una guerra può essere solo altrettanto stupido e ottuso. O interessato.   E' il messaggio che ci arriva dai morti di Gaza (già oltre 300 persone, quasi tutti civili tra i quali tantissimi bambini), dalla tragedia del Boeing delle linee aeree della Malesia (289 passeggeri, tra i quali almeno 80 bambini), dal dramma infinito dell'Irak, dove nel solo mese di giugno sono state uccise 2.417 persone, delle quali 1.513 civili.

E’ una situazione che, nei suoi termini generali, somiglia a quello che ai tempi della Guerra Fredda chiamavamo “equilibrio del terrore”. Le superpotenze, allora, si erano dotate di arsenali nucleari così micidiali che la guerra atomica era diventata impossibile: chiunque avesse sparato il primo missile sarebbe stato a propria volta distrutto. Oggi succede qualcosa di simile: nemmeno la più schiacciante superiorità militare, come quella dell’ esercito di Israele sui guerriglieri di Hamas o quella del contingente multinazionale in Afghanistan, garantisce la vittoria. A meno di non essere pronti a praticare una strategia di sterminio di massa che nessuno vuole o può permettersi: l’ ultima a provarci fu la Serbia di Milosevic e di Karadzic, che infatti fu travolta dalla reazione internazionale.

La differenza tra allora e oggi sta nell’ enorme diffusione delle armi “normali”, le cosiddette armi leggere (pistole, fucili, mitragliatori), e dei conflitti locali che con esse vengono combattuti, spesso nella totale indifferenza o impotenza delle istituzioni internazionali, per prime le Nazioni Unite. L’ effetto combinato di queste due condizioni è una perdurante e inevitabile strage di persone innocenti. L’ Osservatorio permanente sui conflitti dimenticati ha censito, per l’ ultimo decennio, 2 milioni di bambini uccisi, 5 milioni di bambini diventati disabili a causa delle ferite e 12 milioni di bambini che hanno perso la casa e sono diventati profughi. 

Proprio per tali ragioni, oggi, la guerra è anche lo strumento peggiore con cui immaginare di risolvere un qualunque problema politico. Possiamo darci qualunque scusa, o inventarci favolette compiacenti come quella delle "operazioni chirurgiche", dei "colpi mirati", dei computer che tutto sanno, ma il computo delle vittime parla chiaro. Chiarissimo.

Dalla Siria all’ Ucraina, dalla Libia a Gaza, non v’ è crisi che la strategia bellicista non abbia peggiorato e aggravato. E’ di queste ore l’ appello di Sua Beatitudine Mar Louis Raphael I Sako, patriarca caldeo dell’ Irak, che ha chiesto ai vescovi di “invitare la popolazione cristiana ad andarsene” da Mosul e dalla regione occupata dai miliziani dell’ Isil che si ispirano ad Al Qaeda. Ma l'Iraq non  è il Paese che undici anni fa fu “liberato” da una delle più potenti coalizioni militari della storia, e poi per un decennio protetto e tenuto sotto tutela dalla superpotenza Usa?

E in Siria? Gli stessi militanti islamisti hanno massacrato, ieri, oltre 300 persone per impadronirsi di un giacimento di gas e del relativo impianto. Può anche darsi che le abbiano fucilate con le armi che l'Occidente ha riversato nel Paese in nome della campagna contro il dittatore Assad. Resta però il fatto che, se fossimo onesti con noi stessi, potremmo cominciare a domandarci se per caso gli iracheni non stessero meglio con Saddam e i siriani quando Assad era saldamente al potere.

Un paradosso forse feroce, ma perché: quanto osserviamo intorno a noi non è altrettanto paradossale e ancor più feroce? Quanto avviene a Gaza non è la riedizione di guerre o spedizioni che da un decennio si ripetono in media due volte l’ anno, con l’ esercito di Israele sempre più forte e deciso e i miliziani palestinesi più convinti e armati di prima? E i poveri morti dell’ aereo abbattuto sull’ Ucraina non sono la conseguenza di uno di quei “conflitti locali” che non hanno senso né futuro ma che sono stati accuratamente fomentati e alimentati? Due giorni fa a Lugansk l'esercito ucraino ha ucciso venti civili: normale anche questo?

La guerra è l'arma degli stupidi. E non c'è propaganda che possa cambiare questa realtà.



Immagine articolo
Una rosa sul corpo di uno dei passeggeri dell'aereo abbattuta sull'Ucraina (Reuters).
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo