Immagine pezzo principale

La grande fuga dei bambini

Sono 106 mila i bambini che hanno cercato rifugio in Europa nei primi sei mesi del 2015, rivela l'Unicef. Un quarto di tutti i profughi.


Pubblicità

Non è vero che le bugie hanno le gambe corte. Spesso fanno tanta strada, prima di essere smascherate. Sul tema migranti, profughi e immigrazione, una delle tante bugie messe in circolazione dai piazzisti nostrani (di voti e di giornali) è questa: tra i migranti la grande maggioranza è fatta di giovani maschi in età da lavoro; questi arrivano per rubarci benessere e lavoro, altro che profughi.

Chi si occupa di questi temi sa che non è vero. A confermarlo arriva l'Unicef, con questo dato: nei primi sei mesi del 2015 hanno chiesto asilo in Europa 106 mila bambini, pari a un quarto di tutti i richiedenti asilo. Il piccolo Aylan, morto annegato con il fratello Galip nel tentativo di raggiungere le coste greche, non era un'eccezione:  era solo uno di loro, uno dei più sfortunati. Uno che non ha potuto farsi chiudere in un camion o su un vagone piombato, non ha avuto l'onore di strisciare sotto un filo spinato o il piacere di vivere in un campo guardato a vista dalla polizia.

E sarà meglio prepararsi, perché dalla Siria, a causa della guerra, sono fuggiti quasi 2 milioni di bambini. La maggior parte di loro è in Libano, Giordania e Iraq ma molti arriveranno ugualmente in Europa. Lo diciamo adesso nel caso che qualcuno, domani,voglia farci credere che son tutti adulti.

Immagine articolo
Un bambino afghano appena arrivato sulle coste della Grecia (Reuters).
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo