Immagine pezzo principale

Istat, giù i redditi delle famiglie

Il Forum delle Associazioni Familiari in campo per una politica fiscale più family-friendly.


Pubblicità

L'8 aprile scorso l'Istat ha reso noto il 4° rapporto trimestrale su Reddito e risparmio delle famiglie e profitti delle società. Il risultato, nonostante le molte dichiarazioni che si raccolgono qua e là sulla fine del tunnel della crisi, parlano ancora una volta di una conclamata sofferenza delle famiglie. Il reddito disponibile delle famiglie è diminuito del 2,8% rispetto al 2008 (dagli anni '90 non si avevano numeri simili), la propensione al risparmio è scesa a 14 punti (da 20 anni non era così basso). Il potere d’ acquisto, che già lo scorso hanno era calato del 2,6% rispetto all’ anno precedente, fa marcare un -0,2% rispetto al terzo trimestre 2009. Ovviamente si riducono anche i consumi: -1,9% su base annua e -0,1% rispetto al trimestre precedente.

  Flette anche la capacità di investimento delle famiglie, crollato all’ 8,8% (-0,7%). Al di là dei numeri il risultato per le famiglie a fine mese è il seguente: la crisi colpisce ancora, in Italia, e le famiglie riducono sia i loro risparmi che i loro consumi.

IL Forum delle Associazioni Familiari fa rilevare sul suo sito (www.forumfamiglie.org) che "Le famiglie ormai sono costrette, loro malgrado, a lasciare in eredità meno capitale e più debiti". Giova poi segnalare", prosegue il comunicato ufficiale, "un altro fattore gravissimo, segnalato dal recente Rapporto Cisf 2009 sul costo dei figli: il costo mensile complessivo (di accrescimento) medio di un figlio è pari a 798 euro, ma se si guarda il 20% di popolazione più povera questa cifra scende a 308 euro, cifra inferiore al costo medio di sussistenza (mantenimento), che è pari a 317 euro mensili. Questo significa che le famiglie più povere possono spendere al mese per i propri figli una cifra inferiore al costo minimo per i beni essenziali. Il che significa che sono sotto la soglia di povertà".

E conclude in questo modo: "Quindi le politiche per la famiglia sono urgenti perché esiste un oggettivo rischio poverrtà per le famiglie con figli. Occorre quindi subito un fisco a misura di famiglia, come misura prioritaria di contrasto alla povertà e insieme di promozione del sistema Italia".

Chi lo desidera può lasciare sul sito un suo suggerimento, un'opinione, testimonianze e proposte che saranno raccolte e sottoposte al Governo.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo