Immagine pezzo principale

Istat: ecco l'Italia

Aumentano gli anziani, gli stranieri e la povertà soprattutto per le famiglie povere. Questo il nostro Paese visto dall'Istat.


Pubblicità

La popolazione italiana cresce grazie agli stranieri: il 19% dei 547 mila nati nel 2011 ha almeno un genitore straniero, mentre il 26,6% del totale è nato fuori dal matrimonio. Continuano trend già noti da tempo, come l’ invecchiamento e l’ aumento dell’ aspettativa di vita, che è pari a 79,4 anni per gli uomini e a 84,5 per le donne, con un guadagno rispettivamente di nove e sette anni in confronto a trent’ anni fa.
Questo dato, insieme ai bassi livelli di fecondità, rende l’ Italia uno dei paesi più vecchi al mondo: nel 2011 si registrano 144,5 anziani ogni 100 giovani e, secondo le previsioni, nel 2050 ci saranno 263 anziani ogni 100 giovani.

È la fotografia scattata dalla sezione “Famiglia” del Terzo Rapporto sulla Coesione sociale dell’ Istat, presentato mercoledì. Un buon risultato nelle politiche a sostegno della maternità arriva dalla spesa pubblica per gli asili nido: fra il 2004 e il 2010, è cresciuta del 44,3%, con un aumento del 38% dei bambini iscritti ai nidi comunali o sovvenzionati dai Comuni. I dati di molti Paesi europei rimangono ben lontani, ma, l’ anno scorso, ha avuto quest’ opportunità l’ 11,8% dei bambini italiani. Con forti differenze nella Penisola: la percentuale di Comuni che garantiscono il servizio varia dal 20,8% al Sud al 78,2% al Nord-est.

Secondo l’ Istat, lo scorso anno, 380mila neo-mamme hanno usufruito della maternità obbligatoria: il 91% ha un contratto a tempo indeterminato (e vive al Nord nel 57% dei casi), il 9% a tempo determinato (di cui il 50% concentrato al Sud e nelle Isole), quasi a voler sottolineare che soprattutto nel Settentrione la precarietà lavorativa non facilità la scelta di diventare madri. Solo l’ 11% dei neo-papà, invece, ha richiesto il congedo parentale dopo la nascita del figlio, mentre sono 2 milioni e 900mila i genitori che hanno usufruito degli assegni familiari.

Ma dal rapporto Istat emerge anche un sempre più preoccupante impoverimento delle famiglie italiane. Nel 2011, l’ 11,1% vive in condizione di povertà relativa: sono 2 milioni 782 mila nuclei familiari, pari a 8 milioni 173 mila poveri. La condizione di povertà è peggiorata per le famiglie numerose, con figli, soprattutto se minori, residenti nel Mezzogiorno, con un solo genitore o per le famiglie dove convivono più generazioni. Nell’ Italia del 2011, il 27,8% dei bambini con almeno due fratelli vive in una situazione di povertà relativa (10,1% in povertà assoluta),valore che sale al 32% (18,2% in povertà assoluta) se un nonno vive con loro. Una forte vulnerabilità economica è anche quella degli anziani nel Mezzogiorno, dove risulta “relativamente povero” il 24,9%.

Ma i segnali di peggioramento arrivano anche dalla vita quotidiana: aumentano le famiglie che non possono permettersi di riscaldare adeguatamente l’ abitazione (che passano dal 10,6% del 2009 all’ 11,5%) e per quelle che arrivano con molta difficoltà alla fine del mese (dal 15,3 al 16%).

Per l’ Istat, risultano invece sostanzialmente stabili le famiglie che non si possono permettere una settimana di ferie lontano da casa almeno una volta all’ anno e che non possono far fronte a una spesa imprevista con mezzi propri. Differenze si registrano invece in base alla nazionalità: in media, una famiglia straniera regolarmente residente deve far quadrare  i conti con 1.206 euro al mese, che salgono a 2.053 se la famiglia è italiana.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo