Immagine pezzo principale
Benessere

Influenza, come si cura


Pubblicità

La terapia di base per l’ influenza è essenzialmente sintomatica, cioè finalizzata a diminuire lo stato di malessere generale.

►Riposo nella fase acuta della malattia e per 24-48 ore dopo la scomparsa della febbre.

►Utilizzo di farmaci di automedicazione, come antistaminici contro gocciolamento nasale, starnuti e congiuntivite; vasocostrittori (contenuti negli spray nasali) contro il naso chiuso; collutori o pastiglie anti congestionanti o antisettici contro il mal di gola; sedativi, fluidificanti e mucolitici contro la tosse; antinfiammatori (antidolorifici e antipiretici) contro dolori e febbre. Va consultato il medico se le cose non migliorano o peggiorano dopo 4 o 5 giorni.

►Evitare il ricorso agli antibiotici, salvo in caso di complicanze a carico delle alte o basse vie respiratorie sostenute da batteri. Questi farmaci infatti sono attivi solo contro le infezioni batteriche e perciò nell’ influenza (patologia di origine virale) non hanno alcun effetto. Usarli quando non serve può favorire nel tempo l’ origine di super batteri che potranno esporci a patologie non più curabili con i medicinali attualmente a disposizione, perché resistenti alle terapie.

QUAL È LA DIFFERENZA TRA VIRUS E BATTERI

Sono entrambi microrganismi infettanti, ma tra virus e batteri esiste una profonda differenza. Mentre i primi sono parassiti e opportunisti, perché entrano nelle cellule e si impadroniscono dei loro strumenti per replicarsi, i secondi restano all’ esterno e svolgono funzioni metaboliche proprie, contro le quali i farmaci hanno una maggiore capacità distruttiva.

DUE MOSSE SEMPLICI PER PREVENIRE L'INFLUENZA

Alcune regole di igiene e comportamentali possono aiutare a difenderci dalle principali infezioni invernali.

Lavare le mani spesso e in modo appropriato. Prima e dopo aver mangiato, dopo l’ uso della toilette, dopo essersi soffiati il naso o aver tossito, dopo aver utilizzato mezzi pubblici o dopo aver toccato qualcosa di sporco, è importante lavare le mani con attenzione, assicurandosi di pulire sia il palmo che il dorso sfregandoli l’ uno con l’ altro, senza scordare gli spazi interdigitali.

Prestare attenzione nei luoghi affollati. I virus passano di mano in mano, viaggiano nell’ aria e sopravvivono per ore sulle superfici (giochi, telefoni, maniglie, tavoli, etc), per cui – soprattutto fuori casa e nei luoghi più affollati e umidi, come metropolitane, palestre o cinema – bisogna evitare di toccarsi occhi, naso e bocca per impedire ai microrganismi di penetrare nelle mucose.

Scopri BenEssere, la rivista che pensa alla tua salute dell'anima

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo