Immagine pezzo principale

Scuola, si ricomincia: «Ci saranno nuovi casi, ma non bisogna avere paura»

I primi a rientrare in classe, lunedì 6 settembre, sono gli alunni dell'Alto Adige, mentre tra il 13 e il 20 settembre riaprono gli istituti di tutte le altre regioni. Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità e, da marzo 2021, coordinatore del Comitato tecnico scientifico ci dice come tornare in sicurezza


Pubblicità

Piano piano si comincia a rientrare in classe (parte l'Alto Adige) e il tema della sicurezza in tempo di pandemia resta centrale. Ne parliamo con Franco Locatelli, presidente del Consiglio superiore di sanità, coordinatore del Cts e direttore di Medicina sperimentale di precisione del Bambino Gesù di Roma.

«I pilastri su cui si fonderà il rientro a scuola, il più possibile in sicurezza e con l’ obiettivo di dare continuità alla didattica in presenza, sono tre: il Green pass per gli operatori scolastici, quindi corpo docente e personale non docente. Per Green pass si intende: soggetti vaccinati o che abbiano superato la malattia o che si siano sottoposti a tampone. L’ auspicio e l’ esortazione che rivolgo è che la percentuale dei vaccinati sia la più alta possibile».

Il secondo pilastro della sicurezza?

«Vaccinare il maggior numero di adolescenti delle superiori e degli ultimi due anni di medie. Abbiamo due vaccini a Rna messaggero approvati, Pfizer-BioNTech e Moderna. La speranza è di aumentare ulteriormente la già buona percentuale di soggetti che hanno ricevuto la prima dose che oggi tra i 15 e i 19 anni è vicina al 60 percento. E aumentarla nella fascia 12-14».

Persiste poi una serie di protocolli già nota a tutti...

«Il distanziamento interpersonale, l’ uso delle mascherine, l’ igienizzazione delle mani, l’ importanza dell’ areazione compatibilmente alla situazione climatica, l’ opportunità che i genitori tengano a casa i figli in presenza di febbre o sintomatologia suggestiva per infezione da Sars-CoV-2».

Le mascherine saranno obbligatorie anche in aula?

«Sono obbligatorie dai 6 anni in su e d’ imprescindibile utilità quando non c’ è la possibilità di mantenere la distanza interpersonale di un metro. Toglierla? È una possibilità considerabile in presenza di una completa copertura vaccinale all’ interno della classe».

Eppure la riapertura delle scuole spaventa.

«Un po’ di nuovi casi ci saranno, ma non dobbiamo farci intimorire. Vanno evitate situazioni come lo scorso anno con regioni che hanno scelto autonomamente politiche di chiusura della scuola. Serve una strategia nazionale, con una condivisione delle scelte tra Governo centrale e istituzioni regionali per tutelare la presenza degli studenti a scuola».

Se in classe c’ è un positivo, che fare?

«Va gestito dal preside con le autorità sanitarie territoriali. L’ eventuale adozione della quarantena già adesso prevede la riduzione della durata a sette giorni per chi è stato vaccinato rispetto ai 10 giorni per chi non lo è».

Qualche consiglio antipanico?

«Vaccinarsi prima di tutto, e questo vale per adulti e ragazzi dai 12 anni, per proteggere sé stessi e gli altri, soprattutto coloro a rischio di non rispondere alla vaccinazione, e per limitare la circolazione virale e l’ associato rischio che emergano varianti del nuovo coronavirus. No ad assembramenti e affollamenti anche al di fuori dell’ orario scolastico; sì ad atteggiamenti responsabili, anche sui mezzi pubblici, evitando di andare a scuola con febbre, tosse o raffreddore e indossare la mascherina ogni volta in cui è indicato. Così facendo possiamo augurarci una continuità nell’ attività didattica in presenza che resta la priorità».

(In alto nella foto Ansa: l’ immunologo Franco Locatelli, 61 anni, nell'aprile 2021)

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo