Immagine pezzo principale

"Il Trovatore" sfida i cantanti

Secondo Caruso, l'opera esigeva le quattro migliori voci del mondo. La Fenice di Venezia ci ha provato, dopo trent'anni, con Meli, la Siri, la Simeoni e Vassallo.


Pubblicità

Caruso affermava che Il trovatore ha solo bisogno dei quattro cantanti più grandi del mondo. Certo è che la scarsità di cantanti adeguati influisce sulla scarsa frequenza di esecuzione questo titolo fra i più popolari del teatro lirico. Alla Fenice di Venezia è riapparso ora dopo una trentina d’ anni, sotto la bacchetta appassionata di Riccardo Frizza, che ha quasi sempre trovato colori giusti, ritmi esatti, sonorità azzeccate. Lorenzo Mariani ha utilizzato il ben noto allestimento di William Orlandi con l’ efficace ausilio delle luci curate da Christian Pinaud, per una regia accettabile nello scontato rispetto della tradizione.

La compagnia di canto era fra le migliori oggi reperibili. C’ era una legittima aspettativa per l’ esordio quale Manrico del trentenne Francesco Meli, che ha fatto onore alla fama goduta di essere oggi la più bella voce di tenore prodotta in Italia. A Meli fanno però difetto l’ accento bruciante e la facilità nello scatto ascensionale, ma in cambio si avverte la pericolosa tendenza ad arrotondare e di conseguenza a “spingere” il suono. Solo il tempo riconoscerà l’ acquisizione di tutti gli elementi che costituiscono il fondamento di un canto realmente verdiano (e non solo). L’ uruguayana Josè Maria Siri, da qualche tempo inserita nel novero dei soprani cosiddetti drammatici, non vanta un timbro privilegiato, ma ha offerto un quarto atto pressochè da manuale, emergendo nell’ ardua cabaletta.

Un’ autentica sorpresa per molti è stata invece Veronica Simeoni: la sua Azucena, lontana dall’ abusato cliché della vecchia zingara, esibisce un’ ammirevole linea di canto, tecnicamente e stilisticamente attrezzata, cui manca ancora la pienezza del colore drammatico per rendere giustizia al personaggio. Lodato come merita il Ferrando del preciso e solerte Giorgio Giuseppini, a completare il cast c’ era il baritono Franco Vassallo, al quale la voce non fa certo difetto né come quantità, né come qualità. Peccato che egli non sappia bene che farsene, autocondannandosi a cantare perennemente mezzoforte-forte, senza che il buon gusto prenda mai il sopravvento.

Repliche fino all11 dicembre. Info: www.teatrolafenice.it

Immagine articolo
La suggestiva scenografia del Trovatore allestito alla Fenice di Venezia.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo