Immagine pezzo principale

Il coronavirus non risparmia i reali: il principe Carlo positivo al test

L'erede al trono del Regno Unito è in buone condizioni di salute ed in auto-isolamento in Scozia con la moglie Camilla, risultata negativa. Paura per la quasi 94enne regina Elisabetta: gli ultimi contatti diretti con il figlio risalgono al 12 marzo. Buckingham palace fa comunque sapere che la regnante sta bene.


Pubblicità

(Foto Reuters: il principe Carlo e la moglie Camilla duchessa di Cornovaglia in arrivo al ricevimento per la celebrazione della Giornata del Commonwealth il 9 marzo)

Il coronavirus raggiunge il cuore della Casa reale britannica. Il principe Carlo, 71 anni, è risultato positivo al test del Covid-19. Ma, dicono le fonti ufficiali, al momento ha dei sintomi lievi, resta in buone condizioni di salute ed è in autoisolamento per almeno due settimane nel castello di Balmoral Scozia. Insieme a lui anhe sua moglie Camilla, 72 anni, che comunque è risultata negativa al test. Chiaro che, oltre che per le condizioni di salute del principe erede al trono, la notizia hha destato forte preoccupazione per l’ incolumità della quasi 94enne (compie gli anni il 21 aprile) regina Elisabetta. 

Gli ultimi contatti della regnante con il figlio risalgono al 12 marzo, in quell’ occasione il consorte di Elisabetta, il 98enne Filippo duca di Edimburgo, non era presente. E ora, riferiscono da Buckingham Palace, la regina «stava seguendo tutte le sicure appropriate per la sua salute». Difficile stabilire, dicono, dove il principe Carlo abbia contratto il virus. Il suo ultimo impegno pubblico ufficiale è stato il 12 marzo, in occasione di una cena di raccolta fondi in favore dell’ emergenza incendi che ha colpito l’ Australia. Fino  a quel momento era stato impegnato in numerosi eventi e incontri che lo avevano portato a incontrare una grande quantità di persone. 

Il 10 marzo il principe del Galles aveva preso parte a un evento internazionale a Londra a sostegno dell’ organizzazione non profit Water aid per richiamare l’ attenzione sul problema del cambiamento climatico e dell’ accesso globale all’ acqua potabile. All’ evento era presente anche il principe Alberto di Monaco, anche lui risultato positivo al Covid-19. Il giorno prima, il 9 marzo, insieme a Camilla aveva presenziato all’ annuale cerimonia per la Giornata del Commonwealth a Westminster abbey, il più grande raduno interconfessionale britannico, nel quale ogni anno vengono celebrate le diverse culture dei 54 Paesi che compongono il Commonwealth. Come di tradizione era presente tutta la famiglia reale: la regina con il duca di Edimburgo, i figli di Carlo William ed Harry con le rispettive consorti Kate Middleton e Meghan Markle.

Negli ultimi giorni anche l’ erede al trono si è convertito allo smart working, lavorando da casa e organizzando alcuni incontri privati. Solo tre giorni fa, per la Festa della mamma - che in Gran Bretagna e altri Paesi si celebra il 22 marzo - Carlo ha scelto di rendere omaggio a sua madre, Elisabetta, postando sul profilo Instagram di Clarence house (la residenza del principe del Galles e di sua moglie) una foto in bianco e nero del 1950 che lo ritrae bambino mentre gioca in giardino con la regina. Lo scatto era accompagnata da una frase: "Auguri a tutti per una felice Festa della mamma, specialmente in un anno in cui le famiglie potrebbero non poter stare insieme".

La Gran Bretagna registra più di 8mila casi di contagio e più di 400 vittime. Il premier Boris Johnson ha imposto tre settimane di blocco di tutte le attività e gli esercizi commerciali non essenziali e drastiche restrizioni raccomandando a tutti i cittadini di stare a casa.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo