Immagine pezzo principale

Il Papa su Twitter, primi bilanci

270 mila messaggi generati dall'account @pontifex in un mese. Ma non tutti sono convinti che i social network facciano per il Pontefice.


Pubblicità

Popoli, il mensile internazionale dei Gesuiti, ha commissionato all’ agenzia Oogo una rilevazione statistica sul primo mese di Benedetto XVI su Twitter. L’ analisi, i cui risultati sono visibili all’ indirizzo www.oogo.com, si è concentrata soprattutto sul contenuto degli oltre 270 mila messaggi di risposta che l’ account @Pontifex ha generato nel primo mese di attività. Le reazioni positive superano quelle negative, anche se solo di qualche migliaio, mettendo in risalto come i Tweet possano costituire anche spunti per la preghiera o veicoli per diffondere i messaggi del papa.

Dall’ altra parte ci sono le critiche e l’ ironia, rischio che accetta qualsiasi persona che desidera stare in mezzo alla gente, nei luoghi della socialità quotidiana, e che ha un ruolo pubblico. Questo a maggior ragione lo può mettere in conto il cristiano che sa quanto essere testimoni del vangelo implichi il rischio del rifiuto o ancor peggio dell’ avversità. I messaggi neutri sono 200.000, l’ ascolto di chi vuol stare a guardare ancora un po’ prima di esprimere un giudizio ma si è accorto che l’ idea non è certo banale.

Sull’ opportunità o meno della presenza del Papa su Twitter hanno discusso in molti, criticando la sintassi dei messaggi, il fatto che Benedetto XVI non segua nessuno o l’ efficacia dell’ operazione stessa. Certo, non è esattamente nelle corde del pontefice una confidenza quotidiana con la tecnologia ma come ben argomenta padre Antonio Spadaro, direttore de La civiltà cattolica e cyberteologo nel suo blog, si può ben dire che «papa Benedetto, forse balbetta la lingua della tecnologia, ma di certo sa cantare quella dell’ amore e, così facendo, riesce a illuminare il senso più profondo dello stesso ambiente digitale».

L’ hastag #askpontifex è un punto di ascolto interessante per tutta la Chiesa cattolica, non solo per il Papa che ne è il riferimento, perché si è rivelato una sorta di antenna di dimensione planetaria che sta catalizzando tante domande ricche di senso ma anche i pregiudizi da stemperare e le sane critiche che possono stimolare al cambiamento.


A livello di base sono sempre più le comunità cristiane che hanno scelto un modello di pastorale mista che in parte avviene in presenza e in parte attraverso la Rete. Siamo già ben oltre la fase illusoria che vedeva i social network come un terreno di facile contatto con i giovani o di “conquista spirituale”, anche se qualcuno continua a considerare la presenza della Chiesa nelle rete sociali come un rincorrere la moda del momento. I social network sono ormai degli spazi integrati di vita quotidiana: per i cristiani, nessuno escluso, il vero peccato sarebbe non esserci.

Immagine articolo
(Ansa)
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo