Immagine pezzo principale

Gruppi di parola per figli di genitori divisi

Parte mercoledì 29 febbraio il nuovo ciclo di incontri tenuto da esperti di mediazione. Aiutano i bambini e gli adolescenti a fare il punto sulla separazione dei genitori


Pubblicità

Separazioni e divorzi sono in continuo aumento. Lo confermano le ultime rilevazioni Istat del 2011. Crescono le difficoltà della coppia e, di pari passo, i problemi dei figli, coinvolti in un dramma non scelto da loro. Le sofferenze vissute dai bambini e dai ragazzi possono emergere immediatamente o anche dopo molti anni dall’ evento critico. Ma non bisogna mai ignorarle. Occorre coglierle e saperle gestire per fornire l’ adeguato sostegno al minore. Ai figli, infatti, servono un luogo e un tempo con altri coetanei nella stessa situazione, per parlare di ciò che stanno vivendo. Per rispondere a questa esigenza, nel 2005 il Servizio di Psicologia clinica della coppia e della famiglia dell’ Università Cattolica di Milano, ha introdotto in Italia una nuova forma di intervento: il Gruppo di parola per figli di genitori divisi (tra i 6-12 anni, o tra i 13-17 anni), all’ interno del quale ogni bambino o adolescente ha la possibilità di fare domande, esprimere dubbi, rabbia e tristezza, e di nominare sentimenti ed eventi che affollano la sua testa e il suo cuore a seguito della separazione dei genitori.

L’ efficacia di questa esperienza, guidata da un adulto affidabile e condivisa con i pari, è testimoniata dai racconti dei genitori e dai dati di ricerca. In concreto: nel corso di 4 incontri di due ore ciascuno, un conduttore esperto dà spazio alla voce dei figli per farli sentire meno soli, per far luce sulla propria vicenda familiare, per comunicare ai genitori il loro stato d’ animo e trovare buone strategie per continuare a vivere in quella situazione. Durante l’ ultimo incontro il gruppo dei partecipanti legge ai genitori una lettera comune: con essa fanno sapere come vivono la separazione e formulano richieste specifiche. I genitori presenti, a loro volta, trasmettono ai figli un messaggio dove viene confermato l’ affetto e la comprensione per la fatica in corso. Un incontro individuale con papà e mamma conclude il percorso e fornisce al conduttore importanti riscontri sui cambiamenti avvenuti all’ interno del corpo familiare.

Il prossimo mercoledì 29 febbraio, alle ore 18:00, parte un nuovo ciclo di incontri, guidati da Costanza Marzotto, Paola Farinacci e Marta Bonadonna, mediatrici familiari e responsabili del progetto, attuato in collaborazione con il Centro di Ateneo Studi e Ricerche sulla famiglia (Università Cattolica di Milano). Il costo è di 200 euro per l’ iscrizione di un figlio e di 300 euro per l’ iscrizione di due figli. Per maggiori informazioni rivolgersi alla segreteria del “Servizio di Psicologia clinica della coppia e della famiglia” (Telefono: 02.72345961; e-mail: segreteria@serviziocoppiafamiglia.it).

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo