Immagine pezzo principale

Un aiuto per l'affitto ai genitori separati

Nella lotta all'aumento dei nuovi poveri, tra cui sono sempre più numerosi genitori separati con figli piccoli, la Regione Lombardia ha approvato nuove misure economiche. Lo scopo è favorire il pagamento dell'affitto o della ristrutturazione della casa.


Pubblicità

Lo mostrano tutti gli ultimi dati, nella categoria dei nuovi poveri da alcuni anni sono entrati, in buon numero, i genitori separati. In particolare i padri, causa l'aumento dei divorzi, del costo della vita, la crisi del lavoro, la diminuzione degli stipendi, e la difficoltà a pagare l'assegno di mentenimento e una nuova abitazione, facilmente si trovano ad affrontare fatiche enormi per arrivare alla fine del mese.  O addirittura a non riuscire più a mantenersi dignitosamente. Tutte situazioni che rendono, inoltre, difficile, se non impossibile, mantenere una relazione serena con i figli. 

Le mamme non se la passano meglio. Anche se spesso nella causa di separazione ottengono facilmente il diritto a vivere nella casa coniugale, subiscono comunque un drastico impoverimento nel tenore di vita. Situazioni che incidono in maniera particolarmente grave nelle fasce medio-basse della popolazione.

A questa situazione cerca di rispondere la Regione Lombardia con un intervento, di sostegno abitativo rivolto a genitori separati o divorziati con figli minori. Un aiuto per cui sono stati stanziati sei milioni di euro

Un bando che, a chi è in possesso dei requisiti, permette di ricevere un contributo sia per l'affitto (fino al 30% del canone annuo) sia per il recupero e la riqualificazione degli immobili (fino al 90% della spesa). Questa misura è stata presentata dall'assessore alla Famiglia, Genitorialità e Pari opportunità.

 

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo