Immagine pezzo principale

Mantova, capitale del teatro per l'infanzia

Le migliori compagnie italiane e straniere, concerti, laboratori: "Segni d'infanzia", il più importante festival del settore, è in scena dal 10 al 13 novembre.


Pubblicità

Girando per l'Italia, si scoprono realtà così belle, ricche e vive che vien da dire: «Ce la faremo, siamo un Paese pieno di risorse, questa è l'Italia vera, quella che vogliamo». A suscitare un simile pensiero positivo è stato, questa volta, un festival, "Segni d'infanzia", probabilmente il più importante festival di arte e teatro per ragazzi, che andrà in scena come di consueto a Mantova, dal 10 al 13 novembre (www.segnidinfanzia.org). Quattro giorni intensissimi (un po' meno del solito, perché i tagli hanno colpito anche qui), nei quali è condensato un programma che prevede la partecipazione delle eccellenze del nostro Paese e un'ampia finestra sul panorama internazionale. Quattro giorni nei quali quello splendido teatro che è Mantova ospiterà una grande festa per i bambini e le loro famiglie. Il tutto all'insegna del riccio, simbolo della manifestazione: pronto a pungolare la fantasia e l'immaginazione, con i suoi aculei, e da difendere, come le cose fragili e preziose.

Andiamo a vedere i contenuti del programma. Si parte con un evento tanto significativo quanto - è facile prevederlo - emozionante. In occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia, mercoledì 9 novembre, alle 17, alla Loggia del grano, bambini, maestre e famiglie canteranno insieme l'inno nazionale, aprendo ufficialmente il festival. Poi, spazio al meglio del teatro, nazionale e internazionale. Teatro del piccione porterà in scena un classico dei fratelli Grimm, Rosaspina, e A pancia in su, con protagonisti un fratello e una sorella; l'esperienza dell'incontro con l'altro sarà raccontata da Compagni di banco di Teatrodistinto, L'inverno di Compagnia Rodisio e Un pezzettino d'inverno di Nuvole in tasca.

Da sempre "Segni d'infanzia" si contraddistingue anche per uno sguardo rivolto ad artisti di altri Paesi. Ecco allora la compagnia francese Théâtre des TaRaBaTeS con La brouille, un originale spettacolo per piccolissimi dai 18 mesi ai 3 anni che, animato da dieci dita, racconterà senza bisogno di parole l'immediatezza della vita. Dopo il grande successo dell'anno scorso, torna il jazzista norvegese Terje Isungsete per incantare lo splendido Teatro scientifico Bibiena con il concerto La musica dei sogni, dedicato ai sogni dei bambini (e non solo). Sempre nella cornice del Bibiena, la musica sarà protagonista anche in I racconti di Mamma Oca, omaggio al compositore Maurice Ravel dell'Orchestra da Camera di Mantova, e in Carovana musicale, funambolico spettacolo del Circo Diatonico, i cui musicisti saranno ospiti anche di “E per finire...”, appuntamento conclusivo di "Segni d'infanzia".

Se il cuore della manifestazione batte per l'infanzia, c'è spazio anche per un interessante progetto per gli adolescenti, "Comunicare le emozioni", in cui la fotografa catalana Cristina Nuñez guiderà i ragazzi a indagare l'immagine di sé attraverso la fotografia. Le installazioni di Lucio ed Eleonora Diana convolgeranno i bambini in un percorso di contaminazione fra pittura, scultura, videoarte e musica. A Mantova non può mancare la compagnia di casa, il Teatro all'improvviso di Dario Moretti, che affascinerà i bambini con la nuova produzione La natura dell'orso. E poi ancora laboratori per scoprire Palazzo Ducale e le regge dei Gonzaga, per imparare a lavorare l'argilla, per scoprire la radio o l'arte circense. E si confermeranno i "Gustosi simposi" alla Loggia del grano, i "Fuochi di musica" nelle piazze e le "Favole della buona notte" nel Palazzo dei bambini, oltre a "Libri a teatro!", un viaggio nel mondo della letteratura e del teatro. Il convegno "Tra libro e teatro" e altri appuntamenti cureranno la formazione.

DOVE & QUANDO
SEGNI D'INFANZIA, dal 10 al 13 novembre a Mantova: www.segnidinfanzia.org
Nel sito, alla voce Info e poi Accoglienza, si trovano una serie di strutture convenzionate con il festival per il pernotammento e indirizzi per mangiare.

Immagine articolo
Il jazzista norvegese Terje isungset a Segni d'infanzia.
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo