Immagine pezzo principale

Solidarietà, digitali con il cuore

Quest'anno Microsoft ha donato software per 4,5 milioni di dollari a Organizzazioni non governative italiane, che grazie alla tecnologia stanno già migliorando i loro servizi.


Pubblicità

Anche la tecnologia può aiutare chi aiuta, chi investe tutto sè stesso nel rendere migliore la vita di tanti sfortunati. Un esempio? I 4,5 milioni di dollari in software che quest'anno Microsoft ha donato ad alcune Organizzazioni non governative nel nostro Paese, per migliorarne l'organizzazione in contatti, lavori e interventi. In una giornata di bilanci, le maggiori tra loro (Oxfam, Fondazione Rava, Emergency, Ciessevi e Cooperativa Solidarietà e Servizi) hanno fatto il punto sui vantaggi raggiunti grazie al più artificiale dei mezzi.

Emergency, per esempio, ha potuto rendere più veloce, efficiente ed economico il proprio sistema di posta elettronica, e la sua presidente Cecilia Strada ha commentato: "In 18 anni di vita Emergency ha fatto dell'ottimizzazione delle risorse la propria forza. Emergency non si occupa di tecnologia, ma di vittime di guerra, di sanità, di medicina. Per questo la tecnologia è per noi solo un mezzo. La collaborazione con Microsoft ci permette oggi di usufruire di una tecnologia che rende il nostro sistema di posta elettronica e collaborazione affidabile, più sicuro ed efficace. E la posta elettronica, per noi come per molti, è diventata il principale canale di comunicazione, internamente, da e verso i nostri progetti, e verso i sostenitori. Poter contare sull'efficienza e l'affidabilità di questo strumento vuol dire poter concentrare gli sforzi e le risorse su ciò che comunichiamo e non sullo strumento attraverso cui lo facciamo".

La Fondazione Francesca Rava - NPH Italia onlus è conosciuta soprattutto per l'aiuto ininterrotto alla popolazione di Haiti, e questo programma di sostegno tecnologico sta permettendo a migliaia di bambini e giovani (compresi giovanissimi disabili) di quella sfortunata isola di apprendere l'uso del computer, rimanere in contatto con il mondo, seguire corsi on line di alfabetizzazione informatica in lingua francese.

Un miglioramento nella trasmissione di informazioni, nel lavoro di gruppo e nell'organizzazione ottimale dei servizi sono i risultati comuni ottenuti poi da Oxfam (una delle più grandi organizzazioni internazionali di aiuti umanitari e progetti di sviluppo), dalla Cooperativa Solidarietà e Servizi (che da trent'anni progetta e gestisce servizi diurni, residenziali e di inserimento lavorativo per disabili e persone svantaggiate in Lombardia) e da Ciessevi (Centro servizi per il volontariato nella provincia di Milano, a sostegno dell'attività delle organizzazioni di volontariato).

"Ci auguriamo che in futuro siano sempre più le Ong che, grazie alle ultime soluzioni innovative di "cloud computing" e alla tecnologia potranno accrescere il loro impatto nel mondo della solidarietà", ha auspicato Roberta Cocco, direttore del settore di Responsabilità sociale di Microsoft Italia. Perché solidarietà e generosità hanno un cuore antico, ma per funzionare al meglio possono ormai sfruttare con efficacia i mezzi più moderni.

Immagine articolo
Bambini Down al computer (foto Corbis. L'immagine di copertina è Thinkstock).
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo