Immagine pezzo principale

«Cristiani perseguitati, lo è 1 su 8; i morti crescono del 60 per cento»


Pubblicità

È un fenomeno purtroppo in crescita. Tra il primo ottobre 2019 e il 30 settembre 2020, rende noto il Rapporto di Porte aperte, sono stati oltre 340 milioni nel mondo i cristiani che hanno sperimentato sulla propria pelle un livello alto di persecuzione e discriminazione a causa della propria fede. Si tratta di 1 cristiano ogni 8.  I credenti uccisi per ragioni legate alla fede crescono del 60%, con la Nigeria ancora terra di massacri, assieme ad altre nazioni dell’ Africa Sub-Sahariana colpite dalla violenza anticristiana: nella top 10 dei paesi con più uccisioni di cristiani troviamo 8 nazioni africane.

Appare infine evidente come il Covid 19 abbia aggravato le vulnerabilità delle minoranze cristiane, aggiungendo ulteriori discriminazioni e pressione.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo