Immagine pezzo principale

Ma quella pillola non è abortiva

I vescovi tedeschi hanno permesso alle cliniche cattoliche di somministrare la pillola del giorno dopo in caso di violenza: purché il farmaco sia contraccettivo.


Pubblicità

La conferenza episcopale tedesca ha autorizzato le cliniche e gli ospedali cattolici a somministrare la pillola del giorno dopo alla donna vittima di violenza, e di stupro. È determinante, però, che il farmaco non sia abortivo: l’ embrione umano, fin dall’ inizio, ha la dignità propria della persona umana. Ma la pillola del giorno dopo non è forse abortiva? La sua azione impedisce l’ annidamento dell’ ovulo fecondato o si limita a impedire il formarsi dell’ embrione (incontro ovulo-spermatozoo)?

Nel primo caso, il farmaco somministrato sarebbe abortivo, nel secondo, contraccettivo
e, quindi lecito in caso di subìta violenza. La differenza è essenziale: una cosa, infatti, è impedire il formarsi di una vita umana, tutt’ altra è interrompere una vita già avviata e in formazione. A livello scientifico non si conosce con certezza il meccanismo di azione dei diversi farmaci che vanno sotto il nome generico di pillola del giorno dopo. In questo contesto, i vescovi tedeschi presuppongono la distinzione tra pillola del giorno abortiva e contraccettiva. Ovviamente tale distinzione è demandata alla scienza medica e ai medici che la somministrano.

La posizione dei vescovi tedeschi non è da collocare, pertanto, nell’ ambito dell’ aborto,
come se questo fosse oggettivamente giustificato in considerazione dell’ eventuale violenza o stupro. L’ aborto aggiunge violenza a violenza, ingiustizia a ingiustizia. La donna è certamente meritevole di piena comprensione e di aiuto, perché possa superare il dramma nel pieno rispetto della vita, quel rispetto che a lei è stato tragicamente violato.

In conclusione, l’ intervento dei vescovi tedeschi si oppone a una valutazione generalizzante sulla pillola del giorno dopo con il porla, senza le debite distinzioni, tra i farmaci abortivi o contraccettivi: ci sono gli uni e gli altri. In questo senso, la loro dichiarazione assume importanza per la morale, per la medicina (i medici), e la pastorale.

Immagine articolo
Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo