Immagine pezzo principale

Chi ha venduto le armi a Gheddafi

Italia, Francia, Gran Bretagna e soprattutto Russia. Le mitragliatrici che sparano contro i cittadini libici arrivano da qui.


Pubblicità

OCCASIONI PER TUTTI

Chi ha venduto alla Libia le armi con cui il Colonnello oggi fa ammazzare centinaia di civili? Dal 2003, cioè da quando il Rais ebbe l'illuminazione e trascinò la Libia tra le nazioni di nuovo gradite all'Occidente, c'è stata la corsa verso Tripoli degli armigeri di ogni parte del mondo, finalmente liberi di commerciare con il dittatore di una potenza petrolifera dopo tanti anni di blocchi ed embarghi. Lui, Gheddafi, non ha tradito le loro aspettative: oggi la Libia, con solo 6,5 milioni di abitanti, è il quarto importatore di armi dell'Africa Settentrionale, con una spesa annua di oltre 400 milioni di euro.


COOPERAZIONE E AMICIZIA 

 Tra i più svelti, com'è tradizione, ci siamo noi italiani.
Il primo colpo lo mettemmo a segno già nel 2006, vendendo all'esercito libico 10 elicotteri per un importo di 80 milioni di euro. L'articolo 20 del Trattato di cooperazione e amicizia firmato nel 2008 prevede "un forte e ampio partenariato industriale nel settore della Difesa e delle industrie militari". In quello stesso anno il fatturato delle fabbriche d'armi italiane con la Libia era già di 93,2 milioni di euro (56,7 l'anno prima), somma che faceva del Paese africano il nostro nono miglior cliente. Importante anche l'accordo siglato il 28 luglio 2009 tra Finmeccanica e Lybian Investment Authority (il fondo sovrano libico) per una joint venture destinata a operare in tutto il Medio Oriente nel settore della Difesa.

Noi svelti, sì, ma i russi grossi. Così, dopo essere passato da Roma, nel 2008 Gheddafi volò a Mosca per incontrare il presidente russo Medvedev. Tenda piantata entro le mura del Cremlino, la promessa di una base d'appoggio per le navi russe nel Mediterraneo e un po' di shopping militare: aerei, missili e carri armati per quasi 1,5 miliardi di euro. Devono essersi trovati bene perché non sono mancate le repliche: nel 2009, 730 milioni di euro spesi da Gheddafi soprattutto in caccia Sukhoi; nel 2010, 1,3 miliardi di euro per i soliti aerei e carri armati ma anche per sofisticati sistemi d'arma per la difesa antiaerea.



LA MISSIONE DI CARLA BRUNI   

    

Non male neppure la Gran Bretagna, che solo in queste ore ha bloccato le licenze per l'esportazione di armi in Libia e in Bahrein: 240 milioni di euro di armi al Rais nei soli primi 10 mesi del 2010. E la Francia? Ricordate nel 2007 il caso delle cinque infermiere bulgare arrestate e condannate a morte in Libia, la folgorante missione a Tripoli di Carla Bruni Sarkozy, la liberazione delle infermiere e gli applausi del mondo? Bene. Una settimana esatta dopo la liberazione delle poverette, Sarkozy firma con il Rais una fornitura di armi francesi per il valore di 300 milioni di euro. Tra Francia e Libia sono poi seguiti altri accordi (centrali nucleari e di nuovi ordigni di distruzione). Ma quello siglato con l'aiuto della Bruni passerà comunque alla storia. Se non altro, per eleganza.

     E per finire, gli Usa. Nel 2008 l'azienda americana General Dynamics ha firmato un contratto da 150 milioni di euro per fornire alla Libia i più moderni sistemi di comunicazione. L'attrezzatura era destinata in particolare alla Seconda Brigata d'élite, un corpo scelto agli ordini di Khamis Gheddafi, uno dei figli del Rais. La Seconda Brigata è stata impegnata nella repressione delle proteste nella città di Al Bayda, dove ci sono state decine di morti.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo