Immagine pezzo principale

Castelnuovo, quel gesto di coraggio in nome dell'umanità

Si è piazzata davanti a un pullman con a bordo i migranti impedendone l'uscita dal Cara dove oggi sono in corso nuovi trasferimenti in vista della chiusura del centro di accoglienza alle porte di Roma. Protagonista Rossella Muroni, deputata di Liberi e Uguali. Il gesto simbolico è stato accolto con un applauso da un gruppo di persone presenti fuori dalla struttura.


Pubblicità

«Civiltà. Vogliamo che l’ Italia resti un Paese civile. Uno stato di diritto deve garantire la destinazione e un’ accoglienza adeguata. Sui pullman che partono da Castelnuovo di Porto ci sono bambini, donne e uomini. Vogliamo sapere dove vanno e cosa troveranno al loro arrivo. Questo è quello che ho chiesto. Sono persone cui dobbiamo offrire tutta la nostra umanità». Si è espressa così dai suoi profili social la parlamentare di Leu che questa mattina con grande coraggio si è opposta fisicamente allo sgombero del cara di Castelnuovo di Porto.

E ancora: «Siano rese note le destinazioni dei migranti e il governo riferisca in aula sullo sgombero del Cara di Castelnuovo di Porto. I migranti che il ministro della paura Salvini ha deciso di trasferire sono persone e hanno il diritto di sapere dove saranno portati e che condizioni troveranno. Per questo stamattina ho bloccato un pullman che usciva dal centro».

E continua: «Come noto ho criticato aspramente e da subito il cosiddetto decreto Sicurezza voluto da Salvini che tanta parte gioca nella vicenda, ma qui metto in discussione il metodo. Visto che la decisione di sgomberare e chiudere il centro è stata presa. Gli ospiti però devono essere adeguatamente informati. Ricordo che l’ operazione è partita con un preavviso di sole 24 ore e senza dare notizie ai migranti che vivono nel centro. Per questo già ieri avevamo chiesto che il governo venisse a riferire in Aula sull’ accaduto. Richiesta che ribadiamo. Non dimentichiamoci di essere un Paese civile».

E chiude con una provocazione: «Con la chiusura del centro resteranno senza lavoro gli operatori della cooperativa che lo gestisce. Vorrei avere garanzie anche sul loro ricollocamento. Oppure “prima gli italiani” è solo uno slogan elettorale?».

Le immagini del momento in cui la Muroni si oppone all'uscita del pullman

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo