Immagine pezzo principale

"Unità dei cristiani, dono e impegno"

Nell'Angelus Benedetto XVI ricorda l'importanza della Settimana di preghiera per l'unità dei cristiani. Per camminare insieme occorre l'impegno quotidiano di tutti


Pubblicità

«Un dono di Dio che, però, per usare un’ espressione che ripeteva spesso il Beato Papa Giovanni Paolo II, diventa anche impegno». Benedetto XVI, nel corso dell’ Angelus di questa domenica che cade a metà della Settimana di preghiera per l’ unità dei cristiani, richiama i pellegrini giunti in piazza San Pietro a unirsi alla parole di Gesù alla vigilia della sua passione: «Che siano una sola cosa perché il mondo creda».

Con un occhio alle tensioni internazionali e in particolare del Medio Oriente, il Papa ha voluto ricordare che «l’ unità che viene da Dio esige il nostro quotidiano impegno di aprirci gli uni agli altri nella carità». Per la Settimana di quest’ anno, cominciata il 18 e che terminerà il 25 gennaio, è stato scelto il tema Tutti saremo trasformati dalla vittoria di Gesù Cristo nostro Signore. I sussidi sono stati preparati da un gruppo polacco. «La Polonia«, ha sottolineato Benedetto XVI, «ha conosciuto una lunga storia di lotte coraggiose contro varie avversità e ha ripetutamente dato prova di grande determinazione, animata dalla fede. Per questo le parole che formano il tema sopra ricordato, hanno una risonanza e una incisività particolari in Polonia. Nel corso dei secoli, i cristiani polacchi hanno spontaneamente intuito una dimensione spirituale nel loro desiderio di libertà ed hanno compreso che la vera vittoria può giungere solo se accompagnata da una profonda trasformazione interiore».

Al termine dell’ Angelus il Pontefice ha dato appuntamento al prossimo mercoledì, nella basilica di San Paolo fuori le Mura per la solenne celebrazione dei vespri che conclude la settimana. Con Benedetto XVI saranno presenti anche i rappresentanti delle altre Chiese e Comunità cristiane.

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo