Yalimah Yacob, la prima donna alla guida di Singapore

La nuova capo di Stato ha 63 anni ed è musulmana. Sposata e madre di cinque figli, è stata presidente del Parlamento e, in precedenza, ha lavorato a lungo per il National Trade Union Congress (movimento dei lavoratori), di cui è stata vice-segretaria generale (foto Ansa e Reuters).

Pubblicità
{channelLogo}

Con la sua elezione Hamilah Yacob ha battuto più di un record: non solo  è la prima donna presidente di Singapore in 47 anni, ma anche la prima capo di Stato di origine malese dopo 47 anni (prima di lei c'era stato solo Yusof Ishak dal 1965 al 1970). Fra i tre candidati, era rimasta l'unica a rispondere ai criteri di eleggibilità. Entrata in politica nel 2001, fa parte della minoranza musulmana, in un Paese a maggioranza buddhista. La sua designazione alla massima carica, avvenuta di fatto senza elezioni, ha suscitato molte polemiche: gli altri due candidati sono stati esclusi dalla corsa perché non soddisfacevano tutti i criteri di eleggibilità. Dal 1965 Singapore è una città-Stato repubblicana del Sudest asiatico, nella punta meridionale della Malesia. I suoi oltre 5 milioni di abitanti hanno provenienze molto diversificate: sono soprattutto di origine malese, indiana e cinese, più un grande rappresentanza di occidentali ed europei arrivati per motivi di studio e lavoro. Poco meno della metà della popolazione è straniera. Nelle foto Ansa e Reuters: la Yacob dopo la sua elezione, con il marito Mohammed Abdullah Alhabshee al suo fianco, i suoi sostenitori in festa e alcune immagini di lei nella carica di vice-segretaria del movimento dei lavoratori e poi come presidente del Parlamento.

Loading

Pubblicità