Inferno in Messico, tra terremoto e uragano Katia

La costa occidentale, vicina al confine con il Guatemala, è stata colpita durante la notte da un sisma di magnitudo 8,2, il più potente mai registrato nel Paese negli ultimi cento anni. L'allarme tsunami, scattato dopo la scossa, è rientrato. Al momento si contano più di trenta vittime. Intanto sul Golfo del Messico si è abbattuta una nuova tempesta tropicale (foto Ansa e Reuters).

Pubblicità
{channelLogo}

Gran parte della capitale, Città del Messico, dopo la violentissima scossa notturna è rimasta senza luce, nonostante la lontananza dall'epicentro del terremoto, localizzato al largo delle coste del Chiapas. Moltissime persone hanno abbandonato le loro case.  E dopo la furia devastante dell'uragano Irma, due giorni fa è arrivato il nuovo ciclone Katia, che ha colpito la costa orientale del Messico. 

Loading

Pubblicità
Iniziative San Paolo