Colosseo spento per i cristiani perseguitati nel mondo

Una fiaccolata e le luci del Colosseo spente in solidarietà con i cristiani vittime di persecuzioni e per chiedere la libertà delle studentesse in Nigeria. Ad organizzare la manifestazione di giovedì sera a Roma la Comunità di Sant'Egidio e la Comunità Ebraica.  La libertà è una sola: le catene imposte a uno di noi pesano sulle spalle di tutti disse Nelson Mandela - ha commentato il sindaco di Roma, Ignazio Marino - E Roma, questa sera, insieme a tutti voi, vuole dire che le catene dell'oppressione, della barbarie e delle guerre sono le nostre. Pesano sulle spalle di tutte le donne e gli uomini che, anche a migliaia di chilometri di distanza, soffrono per quelle catene. Siamo qui insieme nel comune intento di condannare le persecuzioni che i cristiani stanno subendo in tutto il mondo e in Siria. Insieme per condannare il fanatismo e la violenza che ha portato alla prigionia e alla schiavitù 223 bambine e giovani donne in Nigeria 

Pubblicità

Pubblicità